Dall’album dei sogni….

Ecco, ora sei ‘grande’… hai  il tuo lavoro, forse riuscirai a combinare qualcosa di buono. E poi l’Università – Facoltà di Lingue – quello che avevi sempre sognato, e soprattutto una vita davanti per realizzare i tuoi sogni.  E il primo, sai benissimo qual’è: sin da bambina hai iniziato a parlare francese, eri la cocca di papà perché lo facevi contento, gli rispondevi in quella che per lui è sempre stata la sua lingua madre, ed eri orgogliosa quando la mamma si arrabbiava con voi due perché parlavate una lingua che lei non capiva. Quante volte lui ti raccontava di come era la vita nel paese che lui aveva dovuto lasciare a malincuore, e di come nel 1938 era stato allo Stadio Colomb a vedere l’Italia che vinceva il Campionato del Mondo, e delle scale mobili che già c’erano alle Galeries Lafayettes….
E oggi sei pronta: sai che tuo padre ne sarebbe orgoglioso e tu sei sempre più curiosa di vedere se corrisponde alle fotografie che tante volte hai sfogliato. E soprattutto curiosa di metterti alla prova….
 
“Papà, quest’anno ho deciso che mi faccio le mie prime ferie!”
“Dove vai??”  
“A Parigi!”
“ E con chi ci vai?”
“Da sola”
“E come ci vai?”
“In treno: c’è un treno da Genova alle 21,30 che arriva alla Gare de Lyon alle 9 del mattino!”
“Va bene… ti accompagno alla stazione…"
 
 

Photobucket - Video and Image Hosting

 
 
Era il 1976… e la mia settimana a Parigi da sola, la ricordo ancora benissimo.
 
Scoprire piccoli angoli di città fuori dalle mete turistiche e farsi venire la voglia di tornarci e tornarci e tutte le volte scoprirne un altro pezzo.
E ormai non ricordo più quante volte ho percorso il boulevard Hausmann, l’Etoile, la Place du Tertre, la Rive Gauche e il Quartier Latin, a quante persone ho fatto da guida nella Ville Lumière.
 
Da quel  viaggio alla scoperta di una città, ho imparato ad essere ‘viaggiatrice del mondo’ e non  turista:  con lo stesso spirito anni dopo ho percorso le strade di Singapore, di Dubai.. ma … questa  storia ve la racconterò un’altra volta!!!!
 
 
A proposito,  a pensarci bene…. non ho mai visto Parigi in primavera!!!
Vediamo…. potrei cominciare ad organizzarmi …
Advertisements

32 risposte a “Dall’album dei sogni….

  1. "E Parigi era una grande festa"Così la definiva Ernst Hemingway. Così l’ho vista io la prima volta, prendendo il tuo stesso treno con un compagno di studi. Così me ne innamorai per sempre.

  2. @Sinbad
    Così me ne innamorai anche io per sempre… nonostante abbia girato molto, Europa, Asia, ma l’atmosfera di Parigi non la trovo da nessun’altra parte.

  3. ciao ross..bella storia la tua…e pensare che ci son stato anchio a parigi da giovane…ma non da solo come te..anzi a dire il vero sono stato in francia per 4 mesi e quasi parlavo la lingua gallica. ciao un bacio

  4. ciao Ross, mi assento un attimo e torno e scopro grandi storie d’amore!!!! uau che bello!! il nostro walterone e giulia che magico incontro :-) Sono troppo contenta. Comunque ti capisco molto sia quando parli di viaggi sia quando parli delle lingue straniere e lo sai :-) In fondo anche quesete due sono grandi amori, grandi passioni per noi :-)
     

  5. … chissà perchè per tutti noi è un ricordo?
     
    La mia prima volta … giovanissima … per una gara sportiva … in un paese gemellato con il mio ….
     
    Un anno noi ospitavamo la loro squadra … nel periodo Pasquale … e quello successivo loro ospitavano noi … e ancora continua!!!!
     
    Tutti erano, ovviamente presi dalle competizioni … io invece, non ho resistito, finite le mie gare … mi sono avventurata con il metrò verso il centro della città …
     
    Andata … più che ottima … rientro …. blahhhhh … sono riuscita a raggiungere quel paese a notte fonda … sbagliato percorso … però nessun rimpianto !!!!
     
    Poi … unica persona preoccupata della mia scomparsa … i compagni di squadra ben le conoscevano … un "dolcissimo" ragazzo francese … che insieme a me ha aspettato l’alba … e lo ha rifatto per molti anni ancora !!!!!
     
    Come mi manca-no !!!!!
     
    Mitakuye oyasin
     
    Nako

  6. ….che emozioni che sai suscitare Ross….!
    io Parigi purtroppo non la conosco, nonostante abbia amici e parenti che vivono nei dintorni non ho mai avuto la possibilità di andarci…!
    ti lascio un bacio mia cara…

  7. @Nako
    Ssstttt non dirlo a nessuno ma……. la seconda volta ci sono tornata con mia sorella, e abitavo a St. Germain en Laye, a 1/2 ora di treno RER da l’étoile…. e sono stata capace di … perdere l’ultimo metrò delle 2 del mattino … colpa di un tipo che in un ristorante del quartiere latino aveva attaccato bottone regalandomi una rosa rossa ahahahaah
    Allora l’ho costretta a passeggiare tutta la notte, per poi prendere uno schifosissimo caffè all’Alsace, una brasserie sugli Champs-Elysés aperta tutta la notte e che come sottofondo musicale aveva solo musica …….. sinfonica !!! e infatti il locale era pieno di gente che ‘dormiva sulle poltroncine’…..  

  8. @Rò
    Felice che tu abbia apprezzato il mio pezzo di vita… e comunque ti auguro di vederla …
    Come diceva Enrico IV di Navarra…. Parigi val bene una messa!
     
    PS: e comunque .. non dirlo a Nako… ma adoro anche Londra. ehehe   Veramente .. mi dicessero ‘prepara lo  zaino che si parte’ …. io non chiedo nemmeno dove si va!!!
    Devo avere qualche antenato  zingaro…

  9. anche per me quello a parigi è stata il primo viaggio da solo, appena diplomato, con i soldi del presalario dell’università. in treno da roma, quindi tutta la notte e parte del giorno.
    non c’era il turismo di adesso, ricordo alle Halles a mangiare la zuppa di cipolle alle due di  notte e giocare a golf con una baguette ed un frutto buttato via dal mercato contro un ragazzo americano mezzo sbronzo.
    il senso di trasgressione di baciare una ragazza sulle strisce pedonali, con le macchine che si fermavano ( in italia era roba da denuncia penale il solo farlo in pubblico)
    le serate trascorse sulla scalinata del sacro cuore a cantare e suonare la chitarra con giovani di tutte le nazionalità ma  ci si capiva
    i ristorantini di montmatre accessibili anche per la borsa di uno studente
    la meraviglia del metro con la pianta che ti dava l’itinerario da seguire con una serie di lucine che si accendevano premendo il puldsante della destinazione
    oggi è tutto scontato, non c’è più il senso di meraviglia e di conquista, quando la gente va in qualche posto, vicino o  lontano, constata che "è come l’abbiamo visto in televisione".
    almeno l’abbiamo vissuto
    un saluto
    claudio

  10. che bella la tua storia! mi viene in mente la prima volta sono andata in italia, a 21 anni, con tutta la mia roba in uno zaino! Ho trascorso 2 mesi in europa e ho visto 8 paesi…e’ stato indimenticabile e posso dire che quel viaggio mi ha veramente cambiata.
    ti auguro tanti viaggi indimenticabili….

  11. Ciao,
    lascio il mio sorriso tra i blog stasera
    norah jones … l’adoro
    buona serata
     
    Liu Jo

  12. Non vale , mi hai fatto venire voglia di ritornare a Parigi, sarebbe la terza volta….non c’è niente che non sia bello a Parigi…a me sono rianste impresse le passeggiate fuori dagli schemi, stare tra la gente vivere la sua quotidianità…e naturalmente tutto il resto…chissà ….come dicono …non c’è il due senza il tre…
    Vediemu …intantu te lasciu i na poesia de Sergio Sileri in grande pueta de Sestri Punente

    Inte l’ægua ch’a franze Affondo e mæ moæn drent’a-o mâ fra i scheuggi de nòstre calanche e pesco inte l’ægua ch’a franze i seunni de tutti i pescoei, i canti de tutti i mainæ, l’amô pe-a mæ tæra savoïa.
    Te lasciu in surrisu con tanta simpatia.
    Nemo
     

  13. @Claudio
    Felice di aver incontrato allora qualcuno come me, che ha vissuto l’aria di Parigi sulla propria pelle, e che non mi prenda per una visionaria,….
     
    ;-))))

  14. Sigh…. come solito riesco ad entrare ovunque … fuorchè da Emma … se non rarissime volte … e non riesco a capire il perchè ….
     
    le ho lasciato i saluti da me … speriamo li legga …
     
    hai ragione … è molto fotunata ad avere un pulcino come Edo … non se lo sai … lo avevo già adottato virtualmente … e solo abbastanza tempo dopo, Emma mi ha detto che era uno dei suoi cuccioli ….
     
    Dolce notte … sorellina
     
    Mitakuye oyasin
     
    Nako
     
    p.s.: non so se la cucciola è riuscita a salutarti … è sempre fuori casa per le prove di teatro … se non lo ha fatto … un abbraccio a nome suo ….

  15. Troppo pigro io, per essere un grande viaggiatore……
    infatti ho viaggiato abbastanza poco e Parigi non la conosco….
    so comunque di essere in grave e imperdonabile ritardo…..
    questa storia è davvero molto bella, Ross
    sono quei ricordi che ci fanno compagnia…. magari accompagnati da un sorriso! 😉
    ti abbraccio buona giornata
    CAPO

  16. Mia carissima, leggendo le tue parole mi ritrovo perfettamente: "viaggiatrice del mondo".
    Anche per me è così, è stato così sin dall’inizio, sin da quei 18 anni di 10 anni fa quando
    per la prima volta ci siamo buttati su un treno per l’Europa. Per molti che mi accompagnavano
    è stata un’esperienza di adolescenza, contestualizzata, ma io ho capito subito quanto per
    me "strada" e "ferriovia" fossero bisogni viscerali. Da allora una mole di esperienze, ma
    mai abbastanza!
    Non fermiamoci mai, e magari ci si incontra in qualche parte dell’universo, perchè il mondo
    è troppo piccolino.
    Un abbraccio
    Devis

  17. parigi…..
    è stata la meta del mio viaggio di nozze e nonostante tutto la ricordo volentieri….ma l’anno scorso ho fatto una promessa alla mia cucciola, appena finiti gli impegni scolastici ci concederemo qualche giorno a Parigi è sarà un ritorno gioioso…..
    un sorriso
    monica

  18. Ciao Ross,
    che bella sensazione mi hanno lasciato le tue parole…
    io non ho viaggiato molto…ma andare a Parigi è un sogno che
    spero di realizzare presto!
    un sorriso a te
    ^Luce^
     

  19. non sei solo una viaggiatrice del mondo, ma anche una grande sognatrice…adoro leggere questi post così personali, vedere come le persone siano capaci di far rivivere ricordi, per rendere un passato sempre presente….
    ti abbraccio fortissimo….
    (ah…anche a me la storia delle stelline che non appaiono più mi ha scocciata un pò :-D)
    alla mia Ross dalla sua Ross

  20. Ross ..mi porti con te a Parigi in primavera …..zaio e scarpe da tennis   e dai a camminare…..ci sto’ …dimmi dimmi di si …baciotto Elisa

  21. grazie…ormai sei la Messaggera…..come mercurio…..sei carina a farlo….come è carina l’esperienza che qui hai raccontato….è vero certe cose ci segnano per sempre….per fortuna in positivo….
    un abbraccio emma

  22. Viaggiare e’ stato sempre nei miei pensieri….ancora non ho potuto farlo….e spero presto di andare in un posto magnifico… il mio sogno sono i Caraibi……chissa ‘ se un giorno ci andro’…io ci voglio credere con tutte le mie forze..ma anche Parigi va benissimo…deve essere stupenda…
    ti lascio il mio saluto…buonaserata..
    un bacio..

  23. ciao carisssima Rossssss !!! cm va?
    mi hai chiesto di tornare ed eccomi…. sarei tornata ugualmente….
    è bello leggere alcuni frammenti del tuo diario…della tua vita… io amo molto la lingua francese e chi lo parla…. bella anche Parigi…. nn c sn mai stata ma spero un giorno d poter realizzare ankio qesto mio sogno….. che gran bel coraggio che hai avuto a partire sola????
    a presto…. baciottoni Floren

  24. Cara Ross,
    i tuoi genitori hanno fatto uno splendido lavoro…a giudicare la splendida persona che sei…
    per quanto riguarda Parigi…è un sogno…ma si realizzerà..ne sono certa…e ricorderò le tue parole…quando sarà…
    buon proseguimento di giornata
    ^Luce^

  25. @Rossella
    E lo hai scoperto adesso che sono una ‘grande sognatrice’????
    Sono o no la ‘Signora dei Sogni’? e mica da un giorno a quanto pare….. ehehehheh
     
    E poi, se leggi bene, TUTTI I POST sono in qualche modo ‘personali’, non solo i miei…
     
    Un abbraccio fortissimo
    alla mia Ross dalla sua Ross
     

  26. @Floren
    Grazie di essere tornata .. e grazie per il ‘tu’ ehehe
     
    Dici che ho avuto ‘coraggio’?? Naaaaa
    Solo incoscienza…. e non do la colpa alla gioventù….. talvolta lo faccio ancora adesso!!
    Un bacio e a presto ovviamente
    Ross

  27. mi porti con te…?
     
    daiiii voglio vedere parigi

  28. ciao bellissima….!
    volevo dirti che oggi non è successo quello che temevo..ma le cose andranno per come te le avevo prospettate…!
    ci sentiamo domani….un bacione e buon we…..

  29. Buongiorno, allo stadio è un po che non vado , in quanto passo in alta val di Vara la primavera ,l’estate e l’autunno quindi ho sky e mediaset . Fare il viaggio per la partita mi pesa un po’…sun vêgiu!!!!!!
    Quest’anno sono a Genova perchè devono operare mia moglie ( protesi al ginocchio destro) Stiamo aspettando che la chiamino.
    Per la poesia devi ringraziare la buon anima di Sergio Sileri che l’ ha scritta, ne ha scritte di bellissime.
     Un sorriso ed una cordiale stretta di mano.
     Nemo
     

  30. Ciao, oggi ho finito di castrare il blog.. una mossa sbagliata per vedere se dopo il passaggio che mi hai consigliato riuscivo a mettere le foto e ho cancellato l’unico album rimasto.. l’altro era già sparito.
    Le foto momentaneamente sono rimaste, ma  non so fin quando.
    Delusa, stradelusa, arrabbiata non sento neppure più il dolore alla schiena
    Non credo di riuscire a recuperarlo questo blog, anche perchè nelle cartelle che ho creato per ordinare le foto, mi sono comparsi del TUMBS.DB, ma se cerco di eliminarli mi esce l’avviso che la rimozione potrebbe danneggiare il sistema, quindi sono proprio alla disperazione.
    non ho la forza di rifarlo… un anno di lavoro.. nonse ne parla neppure.
     
     

  31. impossibil cambiare lo sfondo, non mi permette di fare  nessuna operazione..
    clicco su salva ma non lo accetta
    ..
    è la fine……

  32. ke tenerezza mi ha fatto questo post, signora dei miei sogni!
    mi hai fatto tornare in mente i miei primi scalpitii, le mie prime voglie di evasione…
    il mio papà che nn c’è + che diceva orgoglioso "mia figlia deve conoscere il mondo"…
    il suo accompagnarmi in aereo fino a londra, il suo sguardo mentre mi lasciava da sola unica italiana in uno sport-college di soli inglesi a soli 15 anni..forse timoroso, ma sicuro che ce l’avrei fatta..
    e ora cerco di immaginarmi la faccia che farebbe ad ogni mio nuovo sogno di volo pindarico…ci penso e credo che sorrida, lo stesso sorriso che vidi sul suo volto di quando mi venne a recuperare dopo un mese.
    baciodiunagringacommossa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...