Riflessi ‘condizionati’

… e succede che ti trovi tuo malgrado a viaggiare a ritroso nel tempo anche se non vuoi …
Anche se sei sempre vissuta sola, hai pur sempre dei parenti, ‘vicini’ ma lontani … e un giorno ti trovi a percorrere una strada. L’hai percorsa tante volte da allora, ma non eri mai più uscita a quel casello… e tutto ritorna.
La vecchia pizzeria, lo stradone, e il bivio.
Accanto a te, una persona che ‘cerca’ di darti le indicazioni, poi si accorge che tu avevi già messo la freccia ancora prima che lei aprisse bocca e ti chiede
ma allora la conosci la strada… perchè mi avevi detto di no?’
 
E hai voglia a spiegarle che sono passati 30 anni, ma tu la ricordi… non vuoi vedere il solito stupore sul suo viso… ed eviti di guardare lo specchietto retrovisore, per non incrociare lo sguardo di tua sorella… e senti la tua voce che risponde
 
‘ma no, ho visto che c’era il cartello che indicava Pisa centro…’
 
E fai finta di seguire la conversazione, mentre il tuo cervello esamina, elabora, ricorda… e dentro di te riascolti una vecchia canzone…
 
 
E se davvero tu vuoi vivere una vita luminosa e più fragrante
cancella col coraggio quella supplica dagli occhi
troppo spesso la saggezza è solamente
la prudenza più stagnante
e quasi sempre dietro la collina è il sole
Ma perché tu non ti vuoi azzurra e lucente
ma perché tu non vuoi spaziare con me
volando contro la tradizione
come un colombo intorno a un pallone frenato
e con un colpo di becco
bene aggiustato forato e lui giù giù giù
e noi ancora ancor più su
planando sopra boschi di braccia tese
un sorriso che non ha
né più un volto né più un’età
e respirando brezze che dilagano su terre senza limiti e confini
ci allontaniamo e poi ci ritroviamo più vicini
e più in alto e più in là
se chiudi gli occhi un istante
ora figli dell’immensità
Se segui la mia mente se segui la mia mente
abbandoni facilmente le antiche gelosie
ma non ti accorgi che è solo la paura
inquina e uccide i sentimenti
le anime non hanno sesso né sono mie
Non non temere tu non sarai preda dei venti
ma perché non mi dai la tua mano perché
potremmo correre sulla collina
e fra i ciliegi veder la mattina che giorno è
E dando un calcio ad un sasso
residuo d’inferno e farlo rotolar giù giù giù
e noi ancora ancor più su
planando sopra boschi di braccia tese
un sorriso che non ha
né più un volto né più un’età
e respirando brezze che dilagano su terre senza limiti e confini
ci allontaniamo e poi ci ritroviamo più vicini
e più in alto e più in là
ora figli dell’immensità
(La collina dei ciliegi – Lucio Battisti)
 

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket

 
e sorridi … sorridi ripensando al tuo gesto di stizza che quel giorno prese il 45 giri e lo fece volare sopra l’armadio, con l’intento di non rivederlo mai più…  come eri stupida…  dentro di te sai che credevi di essere ‘saggia’…. ma in fondo avevi solo ‘paura’… e non è servito a nulla… la paura ha continuato a farti da compagna di strada…
 
 
Quando riuscirò a liberarmi dei ricordi?
Perchè il mio stupido cervello reagisce a simili riflessi?
Perchè la mia memoria non rallenta?
 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

13 risposte a “Riflessi ‘condizionati’

  1. Chi non ha paura non ha sentimenti e soprattutto è talmente pieno di sè da non accorgersi che esiste anche un mondo attorno.
    I ricordi sono la nostra memoria e secondo me bisogna farne tesoro che siano belli o brutti perchè fanno parte di Noi e ci permettono di migliorarsi sempre e di sbagliare sempre di meno.
    Una buona settimana Ross:))

  2. p.s
    Molto carino il vestito estivo che hai messo, complimenti:))))

  3. Liberarsi dei ricordi ???
    Non sia mai !!!!!!
    I ricordi sono la nostra storia, quello che ci ha portato ad essere ciò che siamo, nel bene e nel male:
    Sono il nostro baule in soffitta, quello da cui attingere nei giorni bui. E anche quando i ricordi sono dolorosi possono darci la forza per capire quanto siamo fortunati ad esser loro sopravvissuti con maggior grinta e vigore.
    Un bacio

  4. P.S. Scusa non ho firmato pensando che restasse in automatico
    Sono Marina

  5. vedo che anche tu nel filosofare il ns intimo…mi batti per molto e molto di più..comq come te credo che il caso non è altro che  l’unico modo per accorgerci di un qualcosa o di un qualcuno molte volte passato innosservato..quante volte ricordiamo + un avvenimento un gesto ecc partito da un caso?
    intanto nulla si distrugge neanche i ricordi..e quando pensiamo che tutto sia assopito nel fondo di quella valigia dei ricordi…  e poi bhe non so se è davvero può essere una fortuna  o meno l’essere o no usata..la mia è una piacevole consapevolezza d’esserlo..un abbraccio e soprattutto una settimama senza seghe mentali… antonella

  6. Rossa ringrazia il cielo che hai una memoria fervida
    senza di essa saresti come una pianta senza radici
    buon lunedì con un bacione one one

  7. giorno cara….e si i ricordi sono la nostra copertina di linus, senza quelli non andiamo da nessuna parte, fanno parte di noi e ci servono per affrontare l’ignoto….sii serena gioia:-)
    un bacione

  8. ..per l’alzeimer c’è ancora tempo…. chi ffa’, macari ti dispiace?? tvb :*

  9. Forse non ci si può liberare dei ricordi perchè ci servono come monito a non ricadere negli stessi errori…
     
    Un sorriso e buona settimana…
     
    Paola

  10. più di una volta mi sono maledetta per la memoria che sembra inossidabile e ricorda con estrema "vivacità" cose e fatti, anche quando non vorrei proprio più visualizzarli.
    c’è poco da fare, chi vive "presdentemente" paga anche questo scotto: ricordare "presentemente"…
    ciao ross, buona settimana
    Fab

  11. Rieccomi dopo la lunga ed impegnata pausa invernale, che mi ha visto tutti i fine settimana immerso nelle nevi etnee e non solo…
     

  12. Cara Ross,sai meglio di me che solo una lobotomia libererebbe da alcuni ricordi. Ma se anche fosse possibile,siamo proprio sicuri che liberandocene sarebbe più semplice guardare oltre e andare avanti? Io credo di no. I ricordi sono pietre con cui si può arrivare a costruire un muro invalicabile,che ti esclude dalla vita e dal mondo. Meglio usare quelle pietre per costruire un argine o un muretto di cinta per proteggerti e nel frattempo poter continuare a guardare l’orizzonte.  Ma non troppe pietre,sarebbe la fine.                                                                                                    P.S. Operazione glicine Ross  compiuta,d’ora in poi ogni volta che mi affaccerò alla mia terrazza avrò un pensiero per te…. E se in questi mesi ho imparato a conoscerti un po,credo che crescerà mooolto velocemente. Ciao Lupastra dal passo lungo. Maredentro.

  13. I ricordi…..belli o brutti che siano fanno parte di noi….forse alcune volte è bene poter avere la capacità di rimuovere quelli brutti, ma la verità è che restano nella memoria più profonda, si rimuovono solo superficialmente, in modo che si possa fare spazio ad altri ricordi. Ognuno di noi ha la possibilità di fare dei propri ricordi quello che vuole, nessuno può giudicare
    Ti volgio bene Ross, baci Barbara

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...