Ancora una sfida

Un’altra sfida con me stessa quel volerti rivedere… guardarti negli occhi e cercare di capire.
Capire me e indovinare dietro il tuo sorriso scanzonato quello che non hai mai detto. Quello che a distanza di un anno è sempre stato nascosto dal tuo ‘ciao, allora come va?’ .
E cosa ne ho ricavato? Solo altri ricordi… ricordi di ciò che è stato, ricordi di quei sogni che facevamo a volte, a letto dopo aver fatto l’amore, quel nostro dirci ‘se tornassimo indietro…’ e subito cancellato, a fior di labbra, perché sapevamo entrambi che anche tornando ad una vita fa, avremmo fatto esattamente le stesse cose.
 
Ancora una volta non hai saputo parlare.
Ancora una volta hai lasciato a me la scelta.
Come se tu non fossi ancora in grado di dirmi cosa provi per me.
 
E io ne esco sconfitta. Come sempre. Perdente.
Ma in fondo è ciò che sono ….

Devo richiudere questo baule che stava in soffitta, sistemare bene in ordine i ricordi degli ultimi 30 anni passati vicino a te, ma mai con te, … metterci un lucchetto… e buttare via la chiave.

 

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket

 

E devo farcela da sola, non devo usare altri mezzi per farlo…

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

12 risposte a “Ancora una sfida

  1. Ciao mia  grande amica lascio solo un ciao  senza aggiugere altro …..baciotto e pizzicotto Elisa……..

  2. Mi chiedo com’è possibile riuscire a fare le stesse cose anche non conoscendoti, quello che ho letto è la stessa cosa che ho fatto io oggi!!!!!!!
    Anche se non alla stessa maniera ma ho vouto sfidare me stessa ancora una volta, cacciando il mio orgoglio( e stavola l’offesa che mi era stata fatta era Grandissima e mi ha fatto MOLTO MALE), ma testarda come sono dopo un pò mi dimentico e torno a scusare a cercar di capire, a farmi del male a giustificarmi dell’Amore che ho dato (perchè se l’ho dato quella persona vuol dire che era davvero Speciale) a cercare negli scritti, nei ricordi i punti dove IO avevo sbagliato( non è possibile mi dicevo che un Amore come il Nostro possa finire cosi). Ho scandagliato e mi sono scandagliata e alla fine o mandato 2 sms sperando in una risposta che non c’è stata ( anche se lo sapevo).
    Quello che sento dentro adesso è maliconia ma non SCONFITTA, Ross io non mi sento ne Sconfitta ne Perdente questa volta, mi sento Forte per prendere il coraggio di chiudere davvero  quel Baule e buttare la chiave negli abissi del mare per sempre.
    Io non ho Perso…ha perso chi dopo avermi illusa quando ha visto che IO CI CREDEVO DAVVERO se l’è data a gambe levate addossandomi la colpa……Lui HA PERSO.
    Amica mia prova a pensarci
    Un Abbraccio forte e ricordati che FIRENZE ti aspetta quando vuoi:)
     
    p.s
     
     
    ti leggono anche mio figlio e mia nuora;)

  3. Il ricordo dei ricordi non paga, quando qualcosa è scivolato via sicuramente si sbaglia a rivangare il passato quando le cose negative sono maggiori di quelle positive. Purtroppo la debolezza del pensiero persiste nel voler credere sia possibile trovare ancora qualcosa di positivo……
    Il passato è trascorso non torna più.
                                            Un sorriso

  4. rossina rossina.. a guardare indietro il torcicollo viene…

  5. ultimamente……non sento la solita "Signora" ….non posso molto se non lasciarti un saluto.

  6. Se bastasse un lucchetto per occultare i ricordi,credo che verrebbero presi d’assalto più lampioni di quelli presenti a ponte Milvio dove gli innamorati si scambiano le loro promesse d’amore. Puoi blindare il baule,sotterrarlo,agganciarlo a una pietra e poi gettarlo in mare,ma lanciare le chiavi nelle acque torbide del passato non si può… perché i ricordi  Ross,anche quelli più dolorosi,sono l’unico passepartout che abbiamo per aprire il futuro che ancora non si conosce. Devi farcela sì,ma a non buttare le chiavi.
     
    Ti stringo forte… come un lucchetto ^_^  Antonio.
     

  7. Eppure ne avevamo parlato…..eppure ci eravamo anche confrontati……. eppure…..il tuo post dice tutto.
    Crediamo sempre che quell’amore è il grande amore che ci cambia la vita, che ce la può cambiare se vogliamo, e che vogliamo che ci cambi la vita. Ma arriva anche un momento in cui ti rendi conto che il giocattolo si è rotto, e anche se cerchi di aggiustarlo perchè è cmq l’amore che hai sempre sognato/desiderato/voluto/creduto/difeso, per quanto cerchi di non vedere le crepe evidentissime decidi di tuo che…ok và bene lo stesso perchè le crepe nel tempo andranno via…. ma come lo metti a posto….ti accorgi che c’è una nuova crepa e così via….finchè decidi tuo malgrado con la morte nel cuore, con la sofferenza che ti riga il volto….ed un cuore a pezzi…che ormai è rotto definitivamente…che non ha più senso aggiustarlo……e lo lasci andare via……nel mare profondo del rimpianto e con esso la "chiave" famosa di cui si parla.
    Però vedi Ross…..siamo esseri umani, non robot, e vogliamo nasconderci la più grossa verità, che è talmente scomoda per noi stessi da volerla rifiutare a priori, continuando a mentire a noi stessi pur facendoci e sapendo di farci del male forse non solo a noi. Che quella chiave non è l’unica….perchè ce ne è una nel cuore che non puoi gettare perchè, come dice maredentro, è un passepartout che ti permette tutto, perchè è il battito del cuore, è il ricordo che affiora e ti porta verso la mancanza totale di fiato, è la lacrima che ti scende pensando che…….; puoi provarci, puoi crederlo, puoi volerlo credere a tutti i costi, che non esista o che sia impossibile trovarla e/o usarla…………. ma è sempre pronta ad essere usata quando meno te lo aspetti.
    E non è questione personale, soggettiva o generale…..è la verità!!! Stà a noi poi crederci o meno….stà a noi volerla usare o meno.
    Tutto dipende da quante crepe hai otturato in passato e quante ne vuoi, eventualmente, otturarne in futuro.
    Io ho finito il collante…….
    Un abbraccione…GianFranco

  8. gioia……puoi chiudere tutto in soffitta o gettare tutto in mare,ma non serve……il ricordo rimarrà sempre con te e ti lacerà il cuore, ma tu sarai sempre più forte e ne farai tesoro per il futuro, perchè i ricordi servono a questo….e cmq non sei tu che hai perso qualcosa….:-)
     
    ti abbraccio forte

  9. io mi dico solo che a volte vogliamo rifilarci tante di quelle scuse che, nel momento in cui è reale, e non una scusa, siamo poco credibili…
    brutta cosa l’abitudine…
    ti abbraccio forte
    alla mia Ross dalla sua Ross..

  10. Oppure possiamo pensare che "non è successo"……..che è stato solo un "sogno"……….tutti quei ricordi sono solo un "sogno".
    Niente di quello che abbiamo "vissuto in quel sogno è stato vero"…………se pensiamo cosi forse si stà meglio o meno peggio come si dice a Firenze.
    I sogni si sà sono bellissimi altrimenti sono incubi.
    Io quel "sogno" l’ho vissuto……………ma era un "sogno" nella realtà gli uomini tendezialmente "scappano".
    Un abbraccio Ross.

  11. il mio stupido cane

    Ti darò la mia,anche se so che è un inutile versione tra i tuoi star male per qualcuno.
    Come tanti,almeno credo,ho passato troppo a far discorsi a qualcuno che in fondo non c’era.
    A poco è servito dirmi che in fondo qualche motivo c’era.
    A controvogla,senza nessuna apparente spinta ho cercato di aggrapparmi ad uno scoglio,nel mio caso parlo di un semplice rapporto.
    I lucchetti non servono,lascia che la colpa stia al centro,anche se nulla hai fatto…
    Assolvi se ha sbagliato,assolviti se senti parte di colpa tua…
    in entrambi casi sarai alleggerita dall’oppressione di un  che al quale non trovi risposta.
    Lo so,è poco,ma provare sarà solo il tuo allungo di mano a chi ti ha saputo stare vicino in quest’ultimo anno…
    Il mio in bocca al lupo ti accompagni…
    Ciao Rossana

  12.  

    Ognuno sta solo sul cuor della terra
    Trafitto da un raggio di sole:
    ed è subito sera.
    Quasimodo ha scelto lo specchio, l’immagine speculare, l’opposto di quel che appare, il divenire di quel che era, quello che è e quel che sarà, il serpente che si morde la coda, l’uroborus.
    Il messaggio di verità e di speranza –  Trafitto da un raggio di sole – protetto, e sigillato tra l’immagine della solitudine e quella della terra, ri-velato – riflesso nello specchio –  si leggerà come “la quiete dopo la tempesta” o “mi illumino d’immenso”:
    Nessuno sta solo sul cuor della terra
    Illuminati da un raggio di sole:
    ed è subito mattino.
    Credici e lo sarà.  michelangelo

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...