L’ANGOLO DEL BLOGOSSIP

Metti una sera a cena… un incontro atteso con ansia da quasi un mese, una promessa di rivederci che ormai non viene nemmeno più pronunciata, perché è implicita.  
Qui o in un’altra città, abbiamo i ‘nostri’ posti preferiti, il ristorante arabo, quello di pesce, il gelataio, il pub o il ristorante cinese. Tanto quello che importa è esserci insieme, unito a quel nostro modo di passeggiare la sera nei rispettivi centri storici, con quel fascino che deriva dalla loro storia, che trasuda ancora dalle pietre degli antichi palazzi, e che tutte le volte ci fa dire ‘però, sembra di essere nello stesso posto’.
 
 
Tutte le volte in cui ci ritroviamo, e in un anno sono state molte, c’è quel piacere di conversare di tutto, di cose personali, di politica e società, di amici comuni e non.  
Un po’ come quelle signore inglesi che attendono il tea-time non tanto per il piacere di bere il thè, ma per conversare.

 

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket

“allora, dimmi un po’… hai sentito tizio? Come sta?"
ma lo sai con chi ho parlato l’altra sera sul messenger?’
hai visto le foto che ha postato Caio?

E la cosa buffa è che stiamo parlando di realtà virtuale  !

Quante volte abbiamo affrontato il discorso della virtualità delle rete? Fino alla nausea direi. E altrettante volte la mia convinzione dominante è sempre stata che questo mondo, questa blogosfera, sia molto più reale di quanto ci piaccia immaginare. E’ una reazione di difesa quella di volerla classificare finta, irreale, e molte volte artefatta, è quel nostro istinto di conservazione, quel ‘voler parare i colpi’ prima che ci facciano male, partire da disillusi per arrivare a stupirci poi in positivo quando troviamo persone vere, e soprattutto amici la cui entità va al di là del blog. E a quel punto queste persone non sono più bloggers, non sono più i moderni ‘amici di penna’. Sono semplicemente amici e come tali fanno parte della nostra vita. Come nella vita reale, alcuni hanno un peso diverso, altri sono solo conoscenze. Ma ci sono. Sempre.

Quindi.. ieri sera… siete stati anche voi protagonisti .

Di cosa?  di una estemporanea di BLOGOSSIP… ma senza quella negatività che si associa sempre a questa parola d’importazione, senza la curiosità morbosa e fine a se stessa, senza scoop e senza malignità. Perché le due protagoniste hanno un principio fondamentale: la libertà individuale. Propria e quella degli altri.

D’altra parte, chi tra voi non fa giornalmente il giro dei blog, controllando e spulciando i vari commenti lasciati da Tizio a…. , chi non immagina o suppone che Caio e …. , chi non nota che Tizio e Caio hanno litigato… , chi non ha mai detto ‘hai visto Tizio cosa ha scritto a ?…

Insomma, è come sfogliare le solite riviste… senza andare dal parrucchiere  !!!

E se questa non è vita reale…. beh ditemelo voi!

 

**********

E a gentile richiesta (leggi commento di Gian) avrei quasi pensato di aprire una rubrica ….

L’angolo del blogossip

dove tutti possono lasciare le loro… indiscrezioni … e si accettano suggerimenti…

20 risposte a “L’ANGOLO DEL BLOGOSSIP

  1. Salve , buongiorno…… scusa la mia latitanza ma il pc mi tirava brutti scherzi.
    Questa realtà virtuale è bellissima mi ha fatto conoscere tante persone stupende, anche qualche stronzo/a, ma con i primi è stato sublime, il potervi leggere, e poter commentarvi, "opinionare" instaraurando uno pseudo dialogo, direi che è stato come creare una di quelle belle serate piene di calore e sorrisi che vorremmo non finiscano mai, qui sono eterne.
     
    Un buon fine settimana

  2. aaaaaaaaaaaah io non commento la virtualità!!! :-D
    ho i miei buoni motivi….
     
    in quanto alle tue parole… troppo buona!!!
    un bacione!
    alla mia Ross dalla siua Ross

  3. Ciao ross sto spulciando i blog per vedere cosa anno scritto cosa commentano …..qrrivo qui e scopro che hai passato una piacevole serata a cena con un amica ex virtuale …..la mia gioia e’ sapere che stai bene ..e scrivere qui che non siamo amiche virtuale  ma REALE.. ciao cara buona serata Elisa baciotto e pizzicotto …..

  4. Internet è visto da molti, specialmente da chi non lo usa, come una virtualità infinita e quindi denigrato. Ma è proprio questa virtualità che ci fà essere molto più reali di quanto si possa pensare. Perchè, forse, con la scusa che la persona che abbiamo dall’altra parte non la conosceremo mai, ci togliamo le fisime, le paure, le inibizioni nel raffrontarci in una maniera, che nella vita quotidiana magari non ci azzardiamo a fare.
    Ho conosciuto varie persone tramite internet, e non voglio fare un bilancio negativo o positivo perchè sono cose molto soggettive, ma sicuramente da ogni conoscenza ho attinto un qualcosa, ho imparato cose e pensieri che comunque vada, faranno sempre parte della mia vita e del mio pensare, perchè c’è sempre da imparare indipendentemente quale sia la provenienza sia reale che virtuale.
    Il fatto stesso che su questo blog, come su tanti altri, ci si confronti e pura realtà……inutile negarlo.
    Ehi voi due pettegole……ma quante ne avete sentenziato ieri sera? eheheheheheUn abbraccione a tutte e due……GianFranco

  5. Gentile Ross… il tuo generoso intervento nel mio disastrato blog, per intercessione di Rò, non ha prodotto un immediato effetto risolutivo, ma è comunque stato prezioso indicandomi le strade possibili da percorrere per effettuare gli appropriati interventi… e poi sono stati sufficienti un paio d’altri piccoli suggerimenti giunti da amici per fare riapparire i post latenti… perciò sono qui a rinnovare il mio Grazie per la tua cortese disponibilità !
    Entrato nel tuo spazio ho ovviamente letto le tue considerazioni inerenti la contrapposizione tra virtuale e reale… tema che anche io in passato ho marginalmente analizzato, ma sotto un altro aspetto, ovvero mi sono sempre chiesto quanto possa essere attinente al reale la personalità di ciascuno di noi che traspare da ciò che viene pubblicato sui rispettivi blog… è infatti mia convinzione che differentemente da ciò che si può percepire in un rapporto diretto (verbale) con un’altra persona ove il dialogo non concede margini, se non ristrettissimi, per soppesare, calibrare, controllare ed esprimere al meglio ogni nostra emozione sentimento o pensiero, tutto ciò, invece, si verifica assai più facilmente in questo spazio, che perciò sotto questo aspetto sono propenso a considerarlo "virtuale". Virtuale in quanto mi prospetta solo l’aspetto migliore della personalità di chi contatto, poco attinente a ciò che ciascuno di noi manifesta nello scorrere del quotidiano vivere. Un saluto, Massimo

  6. Ciao Ross, sono felice che hai trascorso una piacevole seratq con mamma. Mi avrebbe fatto piacere essere li ocn voi…Che strano da un’amicizia virtuale si è arrivati ad un’amicizia vera, profonda e duratura. Bacio Barbara

  7. Grazie per i tuoi passaggi, io ti leggo solotanto ultimamente, un po’ per mancanza di tempo, un po’…te lo dirò quando ti becco in Msn, anche se non sempre oso chiamarti, visto che hai una marea di chiacchieroni che ti vogliono….
    Come sottrarti a loro? non vorrei essere fucilata… ahahahaha!
    Un abbraccione , bacione e felice del tuo star meglio…
    Giulia

  8. Voss!!! (La erre moscia era d’obbligo!!!) ti auguro una serena domenica!!!
    Bacino!

  9. ma che virtuale e virtuale… abbiamo la prova che non è cosi… ^___^

  10.  
    Un mio amico dice una cosa saggia: "più cabernet, meno internet"… da informatico sottoscrivo appieno! ^__^
    Insomma la Rete è una figata, ma solo se presa a piccole dosi, un po’ come la Nutella…
     

    Oggi primo "vero" giro in moto! ^___^
    Verso la Val d’Aosta, e su per le valli. Dopo una buona oretta e mezzo di rumore del motore su per i tornanti, basta girare una chiave per stare in silenzio e trovare la quiete dei boschi e dei ruscelli. Aaaaah, ci voleva proprio! E poi un altro paio d’ore di curve per tornare a casa…
     

  11. condivido appieno la tua descrizione del"VIRTUALE" certamente è un modo moderno per fare agorà…senza uscire di casa, stando  seduti in riva al mare o su di una panchina oppure sul cocuzzolo della montagna con un portatile e  non sentirsi fuori dal mondo…. il virtuale ci fa arrabbiare,innamorare o semplicemente ci dà emozioni che nella realtà cerchiamo di schivare…per paura di star male..anche se poi si finisce di fare sempre e comq  la stessa cosa di essere capultati  nella  REALTA’
    insomma  am,ore e odio….da prendere nella sua vera giusta dimensione…..ma come ogni cosa che fa parte delle passioni..è difficile trovare il giusto equilibrio.. una settimana ..piena d’emozioni per te …..Rossana

  12. Che ho fatto io????? Uè se è qualcosa di bello voglio i diritti d’autore eh? :PPPPPPPP

  13. mamma mia, sono entrata per pochi minuti in attesa dell’ora di cena e guarda cosa ti trovo…..blog, commenti, e andare a vedere gli spaces dei commentatori, tutta roba fine, mi ci vorrà del tempo, benissimo.
    Se fossi capace di mettere le parole in fila bene come te, avrei detto le stesse cose: siete diventati semplicemente Amici, e giuro non è retorica quando dico che la sera qualcuno di voi è seduto alla mia scrivania, con la faccia più o meno come la foto, e mi sembra di conocervi da sempre. E a proposito di blogossip, mi piacerebbe gettare qualche scintilla, ma per ora sto a vedere cosa fanno gli altri…..

  14. Carissima Ross, leggendoti è leggendo traggo una personale conclusione, sembra quasi più reale il virtuale del quotidiano, unica eccezione qui le emozioni sono velocissime.                          Un sorriso e buona settimana

  15. sono entrata perchè mi è venuto un " sciuppun de futta" e voglio parlarne con te: tu lo sai che ho un rapporto speciale con la focaccia ; uno dei miei primi blog, quando ancora non ti conoscevo, è stato la ricetta, quella vera, di detta focaccia, "fugassa" per i Genovesi e in quel di Savona "figassa" (non ridere) ora su un noto giornale Italico un sig. giornalista la chiama "sardenaria ligure"….. ma è vero?????? io non sono mai andata a scuola con la sardenaria nella cartella…..non mi so capacitare…..se è vero è orribile, è come se mi avessero detto che sono stata adottata, ti prego dimmi qualcosa

  16. sig. giornalista, piglia, impacchetta e porta a casa!!!!!
    e giù le mani dalla focaccia che chiamo la Rox…
    visto come si fa: vikipedia e tà tà tà tutto sistemato
    grazie stella, buona notte

  17.  
    carissima, felice di aver ristabilito la mia anagrafe, ma curiosa di capire dove diavolo aveva trovato il giornalista il manicaretto in questione, sono andata a smanettare su "google" e alla voce "sardenaira ligure"  ho trovato:
    sardenaira (parola dall’accento tipicamente ponentino) è la pizza di Sanremo simile alla pissaladière provenzale, un vero e proprio pasto, niente a che vedere con la "fugassa" del mattino, veramente buona anche nel latte…..
    certe volte il giornalismo da informazioni superficiali o incomplete, ma ce ne accorgiamo solo se abbiamo la possibilità di controllare. Se la mia parola valesse qualche cosa vorrei dire: Signori, per governare , per informare, andare sul posto e naturalmente a piedi!
    ciao

  18. Ciao Ross. Sono d’accordo con te. La blogsfera forse è più reale, perché si tende a fingere meno, a non ricoprire ruoli ad atteggiarsi, ad apparire  più che ad essere stessi. Io considero te un’amica e son sicuro che posso contare sulla tua sincera opinione e sul sentimento genuino che ti accomuna a me e ad altri nella consuetudine delle visite e dei commenti, così come negl’incontri della vita reale, perché siamo sostanzialmente identici qui e per strada.
    L’angolo del gossip? Perché no? Non sono tanto preparato, ma sapere qualcosa di più di me, potrebbe essere divertente.   

  19. ..mi smuvìu un pitittu…… :P

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...