….

E ti accorgi che il tempo che passa non ti porta solo acciacchi e capelli bianchi… ti spinge a muoverti, a conoscere in tutte le direzioni, ad accorciare le distanze tra te e il mondo che ti passa davanti o che ritorna dal passato. Quel mondo che nel passato hai sempre ammirato e temuto, al quale per ritrosia vergogna o pudore non ti sei mai avvicinata. Non hai mai fatto parte delle ragazzine fanatiche che correvano ai concerti e cercavano gli autografi dei cantanti, sempre in secondo piano, sempre ‘diversa’. E oggi? Oggi forse sai quello che vali, sai che sei una persona e come tale di per se già vali ed hai i tuoi diritti. E allora ti scopri … intraprendente… e mentre lo scrivi ti scappa da ridere.
 
Poi accade che una mattina, ti ricordi di una vecchia canzone, non un ‘pilastro’ della musica, non una di quelle che ti hanno regalato il soprannome di ‘buongustaia’ , ma una canzone il cui ritornello ti ha accompagnato una sera di quasi 30 anni fa ed è stata parte di quella magia, ed un amico, che per colpa della sua giovane età non poteva conoscerla, la apprezza, si incuriosisce, naviga come fosse un topo d’archivio e riscopre oggi il suo autore, tra l’altro un musicista soprattutto.
 
E tu.. che ormai vai a ruota libera, senti di dover dire qualcosa a questo ‘sconosciuto’. In fondo siete quasi coetanei, e un grazie glielo devi da una vita … e nasce un rapporto che mai avevi creduto possibile. Leggi avidamente come la vita sia andata avanti anche per lui, leggi quello che ha fatto e continua a fare e lo apprezzi, sempre e comunque.
Ecco quindi un omaggio a lui e a chiunque cerchi col tempo di abbattere le distanze…
 
Grazie Goran .. e come promesso ecco la tua
 

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket

 
Mercante di niente

Sono un grande creatore del nulla
Un volgare guardone di stelle
Sono solo un viandante infelice
Che deve salvarsi la pelle.

Il poeta che scrive le rime
Con l’inchiostro che puoi cancellare
Il pastore che chiama il suo gregge
Con uno stupido cellulare.

Ma nessuno mi ha mai detto parole d’amore
Che l’amore non e’ una parola
Da gridare col nodo alla gola
E nessuno mi ha mai detto parole d’amore
Che per l’amore ci vuole coraggio
E una continua partenza non basta a fare un viaggio.

Sono proprio un mercante di niente
Il garzone che impara il mestiere
Un visionario che toglie il malocchio
La ruggine dalle lamiere.

Come un foglio di carta vetrata
Uno sciuscià che ti lucida il cuore
Un mendicante che cerca la pace
tra silenzio paura e rumore.

Ma nessuno mi ha mai detto parole d’amore
Che l’amore non e’ una parola
Da gridare col nodo alla gola
E nessuno mi ha mai detto parole d’amore
Che l’amore non significa niente
Se parli gridi o canti e nessuno ti sente.

Sono un viaggio che non vede la fine
Per un posto che ancora non c’e’
Pietra dura da levigare
Il ricordo di un amore…da dimenticare.

Un attore che ha scordato la parte
Ed era proprio l’ultima occasione
Un passeggero di terza classe
Dimenticato in un vagone.

Ma nessuno mi ha mai detto parole d’amore
Che l’amore non e’ una parola
Da gridare col nodo alla gola
E nessuno mi ha mai detto parole d’amore
Che per l’amore ci vuole coraggio
E una continua partenza non basta a fare un viaggio.

(di Goran Kuzminac – Tratto da "Nuvole Straniere")
 
 
 
E mi sono permessa di ‘regalare’ l’ascolto di Musici Stonati… come hai fatto tu, sulla home del blog…
 
 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Annunci

27 risposte a “….

  1. Ross… che tuffo nel passato!
    Grazie… :-)
     
    Paola

  2. Buongiorno Ross,
    spero che tu stia bene!
    Questa canzone non la conoscevo ma ha un testo bellissimo. Grazie per avermela "presentata".
    Ti auguro un sereno w.e. (in tutti i sensi)
    Donatella

  3. ecco seguendo te scopro cantautori musicisti e cantanti che nella mia gioventu’ non ho avuto tempo di seguire o di scoprire andro a documentarmi ..grazie Ross
     
    buon fine settimana con tante note e belle emozioni    baciotto pizzicotto
     

  4. @Donatella
    Non puoi ancora conoscerla… fa parte del nuovo CD di Goran… Io ne ho letto il testo e l’ho subito amata.
    E dopo l’ho ascoltata… E’ un album di un cantautore maturo e molto bello.
    Lo consiglio.

  5. Goran Kuzminac lo conosco di nome e delle sue canzoni conosco solo "Hei ci stai". Me la ricordo come una canzone orecchiabile e una bella voce. Il testo di questa sua nuova canzone è splendido.
    Vedo che abbiamo la stessa visione della tecnologia e della fretta. Anche a me è capitato di fare 300 km nel giro di poche ore soltanto per fare una sorpresa a un bambino e, come dici tu, il suo sorriso è stata la ricompensa più grande.
    In gamba! 😉
    Donatella

  6. Questo é un regalo strepitoso che mi fai, Cucciola.
    E lo faccio subito mio, con l’ultimo cd del nostro Lucio.
    Save é già allertato ahahahah!!!!
    Ti stringo forte forte.

  7. Goran Kuzminac altro talento inespresso a causa della mafia discografica italiana.
    Per quanto frivola "Hei ci stai" è un piccolo pezzo della storia musicale italiana, ma……vedi sopra :)
    GianFranco

  8. per prima cosa la canzone è veramente stupenda, il tuo blog sempre più bello con questi colori solare..
    cos’è sono in vena di complimenti? e sì, sai com’è! non vorrei farti scappare… :-)
    pensi che sia impazzita, lo so, ma mi riferisco al mio addio al blog e all’ultimo commento
    Sto sorridendo pensando alla presunzione umana….
    sono tornata da te con l’idea di RUBARTI la frase iniziale, ma poi ho deciso che non ne vale la pena…
    Buona settimana grande donna
     
     

  9. Penso che anche Lei al pari della sua amica, Signora d’eccezione, dovrebbe chiudere baracca e burattini e dedicarsi ad altro!
    Questo blog è deprimente!
     

  10. @Cip Cip
    Ognuno è libero di pensarla come crede… Ma se per lei è deprimente… può anche evitare di leggere non crede? Ha presente quello che afferma Pennac?  No…penso proprio di no….  Mi scusi ma non la ritengo all’altezza di leggere nemmeno la prefazione ad un libro qualunque… figuriamoci di leggere Pennac o altro…
     
    Certo che a criticare si fa presto… a dare l’esempio un po’ meno.. E’ per questo vero che lei non ha un blog?
     
    PS. questo suo ‘commento’ lo lascio… il prossimo lo cancello.
    ah… dimenticavo… un nick più cretino non poteva sceglierlo… e le do del Lei di proposito… visto che è un povero giovane imbecille… o devo chiamarla Bim Bum Bam…. e visto che le cose si dicono in faccia e non alle spalle è per questo che si firma vero??
    Una sola parola, per lei e per la sua generazione di rammolliti: buffone!

  11. "cipcip" è il verso o il nome dell’ uccello?

  12. Daniel Pennac diceva… La libertà di scrivere non può ammettere il dovere di leggere.. sbaglio?

  13. @fabio
    Ma nooo… è il verso… vedi che nn sa nemmeno come si chiama??

  14. @Cipcip
    No diceva che uno dei diritti sacrosanti del lettore è quello di non leggere…

  15. In altre parole. E comunque la cultura non è solo dei sessantenni, se lo ficchi bene in testa!

  16. *** Conosco Pennac: FREGATA!

  17. @Cipcip
    Mai sostenuto… ma un conto è la cultura… un altro l’intelligenza… e lei non ne dimostra a sufficienza
     
    e last but not least .. sono abbastanza distante dai sessantanni per fortuna… ma non cambierei i miei quasi 52 con i suoi.
    Addio

  18. E con questo concludo: come far "trascendere" delle persone piccolo-borghesi, finte letterate. Se ci fate caso, nei miei post non ho mai usato una sola parola offensiva o ingiuriosa: Voi giù con insulti ed anche pesanti. Chi è il meno intelligente qui?
     
    Ahahahahahahaha!!!! Ahahahhahahaha!

  19. Piccolo borghesi e finte letterate?? ma che ne sai tu di queste cose… se il tuo unico scopo è trovare gente debole che non ti risponde per decenza???
    il tuo blog?? ma mi facci il piacere….. è per questo che hai cosi coraggio da darci il link??
    e poi sei totalmente asessuato …. ma questa reazione è tipica di una donna gelosa… e arrivista…
    e non mi risulta che imbecille e buffione siano insulti.. potrei fare di peggio….

  20. Ho letto i commenti lasciati nel blog di Giulia. Non ci siamo mai parlate direttamente ma solo tramite mezze frasi e doppi sensi. Io credo che prima di giudicare un blog bisognerebbe  visitarlo, soprattutto quando poi si dà del "poveri presuntuosi che cercano di scrivere poesie sensazioni ed emozioni…." (riporto testualmente). Io non scrivo poesie, altrimenti mi sarei laureata in Lettere e non in Economia. Casomai ne riporto qualcuna di qualche autore illustre. Detto questo, abbi almeno la decenza di non giudicare senza conoscere dal momento che, di questo principio, ne fai persino il titolo del tuo blog.
    Ciao, Katia
     

  21. Mi correggo: più che il titolo, la frase di benvenuto.

  22. wow che bella litigata! era da tanto che non ne leggevo più… ahahah
    di’ la verità rossa, ti sei scritta  tutto da sola per movimentare sti blog che languono alquanto da un po’ di tempo a questa parte!

  23. @Katia
    Credo tu avresti fatto meglio a laurearti in lettere… forse avresti capito il senso della frase che ho lasciato a Giulia…  I ‘poveri presuntuosi’ siamo noi tutti, me compresa… Non ho letto i tuoi commenti, come non leggo mai quelli di altri nei blog. Se ti sei sentita ‘piccata’ sono fatti tuoi. E sinceramente, non sono mai entrata nel tuo blog e non ci tengo proprio. Non avevo modo di giudicarti perchè non mi interessi.  
    Quindi il ‘giudizio’ come tu dici non esiste.
    Noto invece che tu adotti un gioco abbastanza sporco… tipo i commenti anonimi, e su questo ho il mio buon diritto di giudicare: fino a prova contraria sei entrata in modo infido in casa mia.
     
    Di sicuro la frase di Chaplin è un mio modo di essere e ci tengo fede.
    Comunque spero di nn leggerti mai più. E ribadisco: addio!

  24. Io torno all’argomento del blog, non capisco questa mania di esprimere giudizi, se uno è interessato ad un argomento..liberissimo di dire la sua…diversamente si passa e si va….
    Devo dire che questo intervento mi ha fatto sentire ignorante. Conoscevo alcune canzoni, le trovavo anche belle, ma ignoravo totalmente chi ne fosse l’autore. Grazie Ross 
    Un bacione Carla 

  25. Che tristezza……. me l’ero persa questa parte.
    Facile giudicare dietro un monitor, unico arma della vigliaccheria umana di presunti esseri che si credono dotati di intelligenza.
    Peggio ancora quando la vigliaccheria aumenta a dismisura, non mettendo un minimo di faccia (leggi Nome e/o Link del proprio blog), o quando certe persone vogliono fare le ragazzine, chiatamente saputelle, invece che pensare alla propria bombola d’ossigeno, per poter respirare e dire qualcosa di sensato.
    Internet è anche questo…….ma la netiquette è solo una cosa che si mangia…….il rispetto, il buon senso e l’educazione sono solo optional del cervello per chi ha un solo neurone…….oltremodo mal funzionante.
    Toccatemi tutto, ma non la mia Ross………che divent na belva putente e viulentaaaaaaaaaa :)
    Gian*

  26. Mamma Mia ross, ma che è? ciao buona giornata, e buon fine settimana di relax.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...