Forse non tutti sanno che

Oggi riascoltavo dei vecchi pezzi tratti da un CD francese, un regalo che feci tempo fa ad una persona cara, e sottovoce canticchiavo questa canzone. Canzone triste, forse, ma molto realista. E’ la versione originale della famosa MY WAY, portata al successo prima da Paul Anka e poi da Frank Sinatra.
Infatti, forse non tutti sanno che, questa canzone composta nel 1967 da Revaux con il titolo FOR ME ed in lingua inglese, fu rifiutata da molti artisti francesi, tra cui Michel Sardou (che ascoltate sul player). Revaux che ambiva a lavorare con Claude François gliela presenta e accetta, su suo consiglio, di trasformarne il testo in lingua francese. Le parole di Claude François hanno un che di autobiografico, a causa della rottura della sua relazione con France Gall. Alla sua prima uscita la canzone non ha un grande successo: Paul Anka la ascolta tramite un’emittente francofona canadese e subito ne acquista i diritti per la sua casa discografica.
 
E da allora tutti la conosceranno come MY WAY… ma questa è l’originale!
 
COMME D’HABITUDE
 
Je me lève et je te bouscule
Tu n’te réveilles pas, comme d’habitude
Sur toi, je remonte le drap
J’ai peur que tu aies froid, comme d’habitude

Ma main caresse tes cheveux
Presque malgré moi, c
omme d’habitude
Mais toi, tu me tournes le dos
Comme d’habitude

Alors je m’habille très vite
Je sors de la chambre, comme d’habitude
Tout seul, je bois mon café
Je suis en retard, comme d’habitude
Sans bruit, je quitte la maison
Tout est gris dehors, comme d’habitude
J’ai froid, je relève mon col
Comme d’habitude

Comme d’habitude toute la journée
Je vais jouer à faire semblant
Comme d’habitude je vais sourire
Comme d’habitude je vais même rire
Comme d’habitude enfin je vais vivre
Comme d’habitude

Et puis le jour s’en ira
Moi je reviendrai, comme d’habitude
Toi tu seras sortie, pas encore rentrée
Comme d’habitude
Tout seul j’irai me coucher
Dans ce grand lit froid, comme d’habitude
Mes larmes je les cacherai
Comme d’habitude

Mais comme d’habitude même la nuit
Je vais jouer à faire semblant
Comme d’habitude tu rentreras
Comme d’habitude je t’attendrai
Comme d’habitude tu me souriras
Comme d’habitude

Comme d’habitude tu te déshabilleras
Oui comme d’habitude tu te coucheras
Oui comme d’habitude on s’embrassera
Comme d’habitude

Comme d’habitude on fera semblant
Comme d’habitude on fera l’amour
Oui comme d’habitude on fera semblant
Comme d’habitude

 
 
 
COME SEMPRE
Mi alzo e ti tocco, ma tu non ti svegli,
come sempre
Tiro su il lenzuolo su di te,
ho paura che tu abbia freddo,
come sempre
la mia mano ti accarezza i capelli,
anche se non vorrei,
come sempre
ma tu, tu mi dai la schiena,
come sempre.
allora mi vesto velocemente ed esco dalla camera,
come sempre
tutto solo, bevo il mio caffè,
come sempre
senza far rumore esco, sono in ritardo,
come sempre
fuori è tutto grigio,
come sempre
ho freddo, alzo il bavero,
come sempre.
Come sempre, per tutto il giorno fingerò,
come sempre sorriderò
come sempre addirittura riderò
come sempre in fondo vivrò,
come sempre.
e poi, il giorno passerà e rientrerò,
come sempre
tu sarai fuori e non sarai ancora tornata,
come sempre
andrò a letto da solo, in questo grande letto freddo,
come sempre
nasconderò le mie lacrime,
come sempre
ma come sempre, anche la notte fingerò
come sempre tu rientrerai
come sempre ti aspetterò
come sempre mi sorriderai,
come sempre.
come sempre ti spoglierai
come sempre verrai a letto
come sempre ci abbracceremo
come sempre.
come sempre fingeremo
come sempre faremo l’amore
sì, come sempre fingeremo
come sempre.
Annunci

23 risposte a “Forse non tutti sanno che

  1. come sempre………non sempre per fortuna.
     

  2. Non la conoscevo la versione francese. Quella inglese mi è sempre piaciuta. Questa è tristissima, si intona perfettamente a questa pioggia!
    Buona giornata e un abbraccio!
    PS: ho letto il tuo "secondo capitolo"… complimenti… credo di averlo addirittura sognato stanotte o qualcosa di simile :)

  3. E’ veramente tristissima!
    E forse ancor più triste è il fatto
    che sia la normalità per tante coppie…
     
    Paola

  4. buonaseraOggi ha lavoro parlando con i miei colleghi tutti sposati mi sono accorto come la vita di coppia sia a volte ….cosi povera di contesti e di impulsi, l’essere sposati per loro è diventata una condanna, sarà per i problemi economici, sarà per la monotonia, ma mi hanno fatto passare la già flebile voglia di avere una compagna stabile, non voglio diventare come loro e non voglio dire "come sempre" come nel testo di questa canzone, è tristissima ma racchiude in maniera interessante e lampante la, ormai triste e noiosa, vita di coppia.
    Mi ha messo un angoscia…..credimi, sono le mie paure, da perfetto insicuro, rispecchiate in un testo.
     
    Cara ross ti auguro una buona serata
     
     

  5. E brava Cucciola, anche stavolta sei riuscita a stupirmi.
    Mai e poi mai immaginavo che dietro i lustrini e lo charme di un brano ascoltato tante e tante volte nelle interpretazioni di Anka o Sinatra, si nascondesse una così triste primordiale realtà.
    Un qualcosa che tanti di noi abbiamo vissuto magari in prima persona in un passato non troppo remoto.
    Adesso….é passato.
    E sorrido, finalmente serena.
    Anche Tu adesso, vero? :)
    Un abbraccissimo, vado a menare sfiga al Milan! 😉
     
     

  6. stupenda, come sempre!
    ha del dark, e tutto ciò che è dark mi interessa, anche perchè, in fondo ho uno spirito dark!
    oggi invio nella mail "nonsolofilmato" la versione cantata da Sinatra e Pavarotti

  7. I liguri si confermano persone molto sagge… è proprio un tempo da letto!!! 😉
    E ci sarà anche tempo per essere altrove…
    Buona giornata, carissima!

  8. La storia di un uomo maturo che vive nell’ipocrisia………  voler continuare a viverla cmq così senza il coraggio di cambiare.
                                                             Ajò

  9. @Gianfranco
    Non è detto che sia un uomo ‘maturo’… al contrario il comportamento non lo definirebbe come tale ;-))
    E a dire il vero, Claude François che ha scritto il testo era giovanissimo: era nato nel 1939 e nel 1967 non aveva nemmeno 30 anni… (e purtroppo è morto giovane nel 1978).
    Chissà perchè a leggere il testo tu lo abbia interpretato così: secondo me è molto più facile che questa precoce abitudinarietà sia tipica dei giovani d’oggi.
    Noi … vecchietti… almeno abbiamo la scusante del lungo tempo trascorso insieme… ^_^

  10. e se la finzione fosse la vera dimensione della realtà?
    Ross, giuro sono sobria…

  11. @Fab
    Ci credo che tu sia sobria… non voglio credere all’ipotesi da te prospettata… non posso credere che tutto sia finzione e che la realtà sia solo dentro di noi. Sarebbe un’ulteriore conferma del valore dell’apparenza.
    Ma io te e mille altri crediamo alla sostanza, sappiamo che la sostanza esiste.

  12. ho un lato femminile molto ricco e complesso… :D ah ah ah

  13. Come sempre mi prendo cura di quel glicine,volevo che lo sapessi.
     
    Un abbraccio Ross.

  14. ciao Ross…non la conoscevo…mi ha messo una strana inquietitudine addosso…sarà che non ho mai amato le finzioni…pagandone caramente il prezzo…perchè l’apparenza paga sempre più della sostanza…ma io che ho sempre creduto che la verità pur se amara è preferibile alla dolce bugia…leggerla decantata in forma artistica mi ha deluso…comunque grazie dei tuoi post sempre interessanti…buona giornata…

  15. OT:
    solo per un saluto a sorella Green Lantern, nome asessuato ma dalla figurina sicuramente maschile.
    A proposito… ma chi cappero è Green Lantern ???

  16. Io devo imparare un po’ di francese… assolutamente! Forse forse avrò molto a che fare coi francesi in futuro per lavoro, quindi… Ripeto, comunque, il mio lato femminile non è trascurabile, per quanto mi ritenga maschietto a tutti gli effetti :D Sarà l’essere cresciuto assieme a tre sorelle e mia mamma, troppe donne in casa… boh

  17. Hey Ross! Ma come mai il tuo blog ha i colori genoani? :-P

  18. @Donatella
    E’ terribile…lo so…e ora provvediamo subito a cambiare abito! ;-)))

  19. Ciao,
    grazie per la "chicca" che ci hai donato! Ti devo dire che sta cosa del rovistare nei passaggi musicali ed artistici in genere mi intriga moltissimo. E’ come scoprire scrigni e tesori che non attendono altro di incontrare una "mano" delicata desiderosa di regalare emozioni a chi, vicino, non ha ancora umilmente esplorato.
    Per ringraziarti allora ti lascio una cosa che è proprio da filologi. Alla fine del ‘500 in Spagna si affermò una danza straordinaria: la follia. Musica vivacissima. Noi oggi sorridiamo davanti alle cover ma se guardassimo al passato. Brani di autori famosi ripresi da altri, un pochino meno "brillanti". Ebbene, pensa cha dalla fine del ‘500 alla metà del ‘700 il tema della "Follia" è stato rimaneggiato ancora in Spagna, Italia, Inghilterra. Ho raccolto non meno di 14 versioni diverse, composte in periodi diversi dello stesso tipo di "aria". Cabezon, Mudarra, Ruffo, Piccinini, Storace, Playford, Vivaldi, Giminiani ed altri ancora. Tutti hanno "composto" sulla "Follia". La storia si ripete ma che bellezza. Ho letto i commenti dei tuoi ospiti. Quante idee diverse. Ciò che conta non è la tristezza o la gioia ma l’idea, il passaggio …
    Ti ringrazio per i pensieri che mi hai permesso di sviluppare … avanti così!
    Cordiamente,
    Tullio

  20. Ross,
    sei incredibile !
    di sicuro con te non ci si annoierebbe !
    già ogni giorno ne hai una nuova.
    Complimenti.
    Un grande abbraccio.
    Fabrizio

  21. ciao Ross, ancora un pò e mi arriva di nuovo il tuo richiamo per la mia latitanza, è un periodo così, ma non mollo
    guarda a che ora ti auguro buona domenica……e buona notte, ciao

  22. Ciao!!
    sono arrivata qui tramite "conoscenze" comuni!!!Eehehhehe
    Era gia qualche gg che volevo passare a leggerTi….
    Io vivo a Roma, ma sono di Sestri levante….
    E cosi mi fa piacere, leggere soprattutto di miei compaesani :-DDDDD
    Belle le tue foto….
    Ti apprezzo e ti capisco, anche io ho in borsa sempre la mia digitale!!!! :-DDDD
    Tornerò senz’altro, per sentire casa….sempre un po vicina!!!!
    Ahhhh la baia di Sestri è delle Favole, nn fate…….ehehehheheh!
    E se passi a trovarmi vedrai alcune foto……ma tanto la conosci bene anche tu :-DDDDD
    Un bacione
    A presto
    ___Elena

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...