Radici

Ti è sempre stato stretto quel piccolo paesino adagiato nella vallata, a ridosso dell’Appennino. Te ne sei resa conto subito. Avevi cinque, sette o dieci anni, ma tu sapevi che quello non era il tuo posto, la testa piena di sogni già allora. Sognavi paesi lontani che qualcuno ti descriveva per averci vissuto, luoghi in cui si parlava un’altra lingua, paesi del Nord e paesi del Sud, dove il deserto lambiva il canale di Suez. Quante volte sei rimasta incantata a sentire i racconti con cui ti descrivevano come si viveva ‘fuori’ e si concludevano sempre con una frase:
 
"ricordati che il mondo è fuori dalla tua porta di casa"

Erano anche racconti che parlavano di mare, di navi, e tu rimanevi lì  con gli occhi sgranati ad ascoltare, curiosa ed affascinata come se fossi stata davanti ad una vetrina di giocattoli. Poi un anno per Natale, forse eri in 5a elementare, ti regalarono un mappamondo e tu, con il piccolo dito, seguivi i meridiani ed i paralleli e continuavi a sognare. Quanto mare c’era … e tu avevi la fortuna di esserci vicina al mare. Dal mare si partiva per le terre lontane. Non ti ha mai fatto paura il mare. E non vedevi l’ora di passare qualche tempo dalla nonna… al mare. 

E poi ti hanno portato a conoscere il mondo ‘fuori’ e ti sei resa conto che avresti potuto vivere ovunque. Nulla ti ha mai legato ad un posto preciso. La tua casa era ovunque, da nord a sud dell’Italia, ovunque ci fosse la ‘nostra’ casa, la tua scuola… Il tuo sogno più grande? partire da sola alla scoperta del mondo e hai avuto la fortuna di farlo a 21 anni. Qualcuno potrà sorridere, ma a quei tempi era un fatto di avanguardia. Sei tornata ed hai continuato a sognare e a viaggiare.

Senza legami e senza radici.

Poi una mattina di Novembre, mentre passeggi sottobraccio ad un sognatore come te, un uomo che per inseguire un sogno ha tagliato le sue radici, senti prepotente un pensiero salire alle labbra.

Il sole, anacronisticamente ancora caldo, si ferma sui vostri volti. Tutti e due annusate l’aria di mare che sale dal molo dei pescatori: tanti gozzi da pesca a riposo che dondolano sull’acqua del porticciolo, murate di reti stese al sole ad asciugare, salmastro da respirare a pieni polmoni. Le viuzze strette e colorate trattengono odori e suoni. La passeggiata è semideserta, in fondo è un venerdì mattina, fuori stagione, senza turisti. I negozietti che vendono l’artigianato locale stanno aprendo ora. La piazzetta di acciottolato con la rosa dei venti e la meridiana sul muro del vecchio campanile. In lontananza lo sciabordio dell’acqua dall’altra parte del molo.

 

(Luigi Stelli – Barche e riflessi – immagine presa dal web di proprietà dell’autore)

 

"sembra di essere tornato dove sono nato. In fondo i borghi di mare si assomigliano tutti. Gli stessi colori, usanze e gli stessi odori"
"non è vero sai che non abbiamo radici noi due"
"perchè?"
"perchè hai appena riconosciuto la stessa atmosfera del posto dove sei nato e da cui sei scappato. perchè lo hai dentro di te"
"è vero… sono sensazioni che non puoi dimenticare"
"lo so… Sono le nostre radici. In fondo, non le abbiamo mai tagliate"
"cosa vuoi dirmi?"
"Che noi siamo le nostre radici. E’ un cerchio che si chiude. Fuggiamo lontano ma le abbiamo dentro"
"è vero… mi spieghi perchè solo con te riesco ad essere me stesso?"
 
 
Un sorriso, un bacio leggero e si riparte.
Abbiamo pur sempre solo un giorno ed una notte…
 
 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Advertisements

14 risposte a “Radici

  1. rimango sempre stupita davanti i tuoi post….
    il mare….lega tante persone…ki se lo porta dentro nn lo dimentica….ki lo ama nn può farne a meno….nn riesco ad immagginare un momento in cui guardo l’orizzonte e LUI nn c’è……
    bella!!!!! cm va??? nn ci si sente + come prima….xkè??????
    capisco…un pò x il lavoro…un pò x vari impengni…anke a me a volte è impossibile comunicare cn gli amici del web…..ma cm vedi ora sn qui…avevo una voglia matta di salutarti e mandarti un abbraccio grande grande……
    lo sai ke qnd torni in sicilia DEVI  passare a salutarmi!!!!! nn sai qnt ci tengo….
    sei una delle xsone di cui mi piace leggere il blog!!! straordinaria scrittrice di verità!!!!
    ciau ciau Debby—alias—NICA!!!

  2. Parole stupende e verissime. Dolcemente e serenamente malinconiche, di persona che si conosce bene e ascolta a fondo il proprio cuore, che si riconosce.
    Buona giornata

  3. chi sogna di giorno ..vede molto di + di chi sogna solo di notte….e chi è arguto come te, coglie con prontezza e con sottile arte la vivacità e la verità  nascosta dentro ognuno di noi..ancora di + sentire che libertà non è non avere radici ma sentirsi parte integrante di luoghi e tempi diversi che.sono solo nostri……kiss

  4. lo sai che quando scrivi     mi fai sognare    mi incanto davanti alle tue pagine ……
    buona giornata con un baciotto e pizzicotto per tutto il giorno  Elisa

  5. Rossa sto arrivando e poi mi cunti ‘sta gita romantica a Camogli… eheheh

  6. Biddazza!!! Camogli?? e cu tu rissi???
    ahahahah
     
    Ti aspetto … al volo! ^_^

  7. :-(°°°°°°°°°°°°°°°°°°

  8. Accipicchia non leggo più la Ross indifferente  a certe emozioni, miiiiiiii
                            Ciau bella picciocca innamorada ma raccumandu fai a bona
                                                Ajò

  9. @Gianfranco
    Ma…io non sono mai stata indifferente alle emozioni… e forse qui di tutto si parla meno che di innamoramenti. Fatto salvo quello per il mare e le proprie radici, che puoi odiare, dimenticare, nascondere, ma sono sempre lì. E tu sei come loro… aggrappata alla tua terra.

  10. scusasse ma da come l’hai descritto mi pareva camogli
    però è vero che sti borghi marinari si somigliano tutti un po’… prrrrrrrr

  11. Sì sì…..raccontala giusta, radici…. Sì all’inizio sembrava quasi raccontassi la mia storia (mappamondo compreso) ma, nella seconda parte…. Tutta romantica, a passeggio per il borgo marinaro…. Chi ti aiuta a riscoprire le tue radici???…. No non voglio saperlo ma, sa di innamoramento questa storia….
    Baciotti, Carla

  12. anello della catena o catena di s. antonio?

  13. @Capitan Gattock
    Sbagliato post?? o dimenticato gli occhiali??? ;-))

  14. sbagliato post, ammetto

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...