Si va in scena!

Tutto è pronto ormai.
Le corse affannate ai regali sono quasi terminate, restano gli ultimi ritardatari o semplicemente coloro che oggi lavoreranno fino a sera, le casalinghe disperate, dopo giorni di ricerca del menu adatto, che soddisferà i gusti di tutti i commensali, hanno ultimato l’assalto ai supermercati per imbandire la tavola, chi della vigilia, chi del giorno di Natale o Santo Stefano, tra tovaglie ricamate e piatti di Bavaria che restano nel dimenticatoio per tutto l’anno, con centrotavola decorati con candele, pigne, ori, argenti e stelle di natale, con una opulenza che rasenta le feste di Trimalcione, panettoni, pandori, praline di cioccolato  e frutta secca occupano gli unici spazi rimasti liberi sui mobili dei saloni, si contano gli invitati assegnando i posti, chi prepara la tavola per i piccoli, chi tira fuori la tombola o le carte per giocare a sette e mezzo.
Questo è il Natale.
Le signore di una certa età sono già ai fornelli, a preparare i piatti della tradizione, la cui ricetta si tramanda da madre in figlia, dai cappelletti emiliani, alla cima genovese fatta in casa, alle lasagne al forno, all’abbacchio, al cappon magro, alla pastiera. Le più giovani si affidano al rosticcere di fiducia. Nel pomeriggio ci saranno le ultime corse per fare gli auguri e portare un pensierino a quelle persone di cui ci si ricorda solo a natale, che sia la portiera, la vicina di casa, l’amica della zia.
Questo è il Natale.
Qualcuno inizierà a provare il costume da Babbo Natale per rispettare la tradizione che vorrebbe i bambini di oggi ancora così creduloni da pensare che questo imperterrito vecchietto passi ancora dal camino per portare i regali, quegli stessi bambini che girano con l’Ipod, il cellulare in tasca e come minimo sono già campioni di XBOX o NINTENDO DS.
Questo è il Natale.
 
Leggo e rileggo queste poche righe e vedo scorrere delle immagini, a cui però manca qualcosa: il vero spirito del Natale.
E’ possibile che si sia perso strada facendo?
che si sia volutamente nascosto aspettando che finisca la kermesse per uscire allo scoperto ‘dopo’?
Esiste ancora nel 2008?
 
Come disse uno "più bravo di me"… ai posteri l’ardua sentenza.
 
A Voi, il mio pensiero ed augurio che siano giorni sereni, passati con persone vere, senza recite, senza conformismi, solo con la voglia di stare insieme. Che sia Natale, Santo Stefano o Santa Genoveffa.
 
 

Photobucket

 

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

19 risposte a “Si va in scena!

  1. lo spirito del Natale si è perso un pò ovunque … ma ci si ostina a volerlo trovare a tutti i costi perchè nonostante tutto, nonostante la maggior parte delle persone non lo ami, il Natale porta con se una specie di magia, soprattutto per quelli della nostra età, il Natale sa di ricordi: di freddo, di caldarroste, di mandarini, di cartellle della tombola vecchie e polverose di fagioli secchi che rotolano sulle cartelle … di torrone al cioccolato, di panettone, di frittelle rubate prima di cena … di bambini che aspettano la mezzanotte per scartare i regali … di tutta la famiglia davanti al presepe a mezzanotte in punto per scoprire il Bambin Gesù appena nato … Questo è il Natale …Che sia Natale, che sia semplicemente il 25 dicembre … auguro a te ed a tutte le persone che ami, tanta, ma tanta serenità e salute!un bacio grande!!!

  2. Almeno spero di uscire indenne dalla tempesta calorica che si abbatterà sul mio organismo.

  3. La pastiera però è un dolce pasquale… anche se la trovi ormai tutto l’anno.A natale ci sono gli struffoli, i roccocò, i mustaccioli e i raffaiuoli, le cassatine… Buon Natale 😉

  4. io sono la signora di mezza eta’ ho aperto gia’ il sipario della cucina i fornelli sono tutti accesi ……chissa’ se sto ruolo me lo sono scelto o me lo hanno dato ….alcune volte mi entusiasma altre grrrrr perche’ tocca sempre a me ? ….ciao Ross un abbraccio .e tanti baciotti e pizzicotti …..

  5. Si sa, ormai s’è detto e ridetto, il Natale da quando esiste il consumismo sfrenato ha perso il suo spirito.Chissà… se il 2009 sarà duro da crisi nera come dicono, forse per il Natale 2009 torneremo a regalare oro incenso e mirra, o più semplicemente arance e mandarini…Per il momento almeno proviamoci ad essere meno materiali, e cerchiamo di considerare il Natale più come festa spirituale.Certo, poi parla il Vaticano e ci cadono le braccia, però mica si può avere tutto dalla vita no ?Ciao, e… Buon Natale !

  6. be’, ce le siamo già dette!:-))tanta serenità dolcezza, un bacione

  7. Auguri Di Buon Natale!

  8. Effettivamente ho sentito Mauro molto soddisfatto della lunghezza del mio post ;-)Il mio alberello ? L’ho trovato su internet, però è davvero simile al tuo, c’ho fatto caso ora.Basta digitare Natale su google immagini e sfogliare un po’ di pagine…Auguri !

  9. eh… che sia davvero così. Per tutti

  10. ….;))))..quante parole…come bolle…un abbraccio…

  11. non ho tempo leggerò un giro di danze ed un bacio

  12. La ricetta è proprio quella che dici tu: passiamo la festa con le persone che ci vogliono bene e a cui vogliamo bene.

  13. ma quando davanti ad un piatto di farfalle "al tuo pesto"….un bimbo dopo le raccomandazioni "mangia tutto sennò BABBO NATALE stanotte non viene"lui guarda la finestra e dice…eni babbo natae mihele mangiato tùtto èni èni babbo nataequesto è il mio natale

  14. spirito del Natale…io qst anno nn l’ho proprio sentito… e mi rattristo xkè sn giovane e vorrei guardare tutto cm fanno i bambini….le luci i colori…gli amici…un giorno cm un altro….il mio Natale di plastica…….la cosa + bella?? la mia famiglia…la cosa + importante.il mio Natale sn loro.tanti auguri di buone feste Ross…. anke se in ritardo…nn mi sn dimenticata di te… baciuzzi bedda.

  15. Ma che pignolona !Ho messo quell’albero perché era una figura carina indipendentemente dalla stella, che tra l’altro è fatta così perchè in un disegno stilizzato è la più rapida a farsi.

  16. lo spirito del Natale è dentro di noi, se lo cerchiamo e se vogliamo trovarlo, Lui c’è!!capisco quello che scrivi, e mi rendo conto che il Natale è "anche" quello, ma mi piace pensare che, come me, tante e tante persone hanno trovato nei loro cuori lo spirito giusto!!!un bacio

  17. secondo me lo spirito giusto è meno nascosto di quello che si pensi….

  18. Grazie per gli auguri….impareremo a conoscerci con il nuovo anno…non abbiamo fretta…vero?…Tante cose belle per te e i tuoi cari e hai ragione…buttiamo via le cose tristi e brutte….A presto!Un abbraccio

  19. Un passaggio in velocità a volo radente per lasciarti i miei più sinceri auguri di buona fine e splendido inizio e che l’anno nuovo sia semplicemente all’altezza dei sogni che un po’ tutti noi abbiamo.Un abbraccio e a rileggerci nell’anno nuovo

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...