Un altro 8 marzo

Se non sai essere educato con le donne

   …non le fai passare, aprendo gentilmente la porta, non le lasci il posto a sedere in bus o in treno…

 

Se ti senti un deficiente ad entrare dal fiorista e scegliere personalmente i fiori da regalarle

…e preferisci farli ordinare dalla tua segretaria…

 

Se inviti a cena degli amici

…e non ti preoccupi tu di pensare al menù della serata e di fare la spesa  (limitandoti solo a scegliere il vino…)

 

Se non ti ricordi del suo compleanno e non giri per negozi per sceglierle un regalo

…ma cerchi di cavartela col solito ‘gioiellino’ sbrigativo suggerito dall’orefice di fiducia o con la cenetta a due nel ristorante chic

 

Se sei tra quelli che

…quando vedono una donna al volante fanno gli scongiuri

…credono che le donne di sport non ne capiscano nulla

…sostengono che le donne ragionino solo con una parte del corpo

…si girano – ovviamente – a vedere tutte le bellezze per strada, e pensano subito al sesso

…quando parlano della propria moglie/compagna/fidanzata con i colleghi la definiscono ‘poverina’ [con quel sorrisetto ironico che mi ha sempre fatto venir voglia di prendere un uomo a pugni!]

 

Se pensi che la donna sia adatta solo per cucinare lavare stirare e fare figli

  …e non hai voglia di ascoltare le problematiche e difficoltà che anche lei incontra nel suo lavoro, oppure di parlare con lei anche di libri musica cinema politica o filosofia

 

Se – SOPRATTUTTO – non hai rispetto per la donna che dice NO

 

allora hai pieno diritto di partecipare alla

 

 

FESTA DELL’UOMO

 

 

da celebrarsi ovviamente l’8 marzo…

 

 

Sai,  caro Uomo, sinceramente, a noi donne di essere festeggiate una volta all’anno e poi dimenticate, sfruttate e sottopagate sul lavoro, violentate moralmente e fisicamente, di essere ancora additate come ‘femministe’ dopo 40 anni, non ce ne importa proprio nulla!!!

 

Noi esistiamo, lavoriamo, festeggiamo, piangiamo, amiamo, ci incazziamo tutto l’anno…  non solo l’8 marzo!

 

Siamo stanche di avere case e scrivanie invase dalla mimosa, che oltretutto puzza!!!,  di sorrisi ammiccanti, di frasi tipo ‘allora dove andate a festeggiare stasera?’ come se uscissimo di casa solo in questa occasione.

 

E come ogni festa che si rispetti… anche tu avrai il tuo simbolo, un bel Girasole!

 

 

Un girasole perché è come te, con un ego smisurato, non bello, dal corpo informe, pieno di bitorzoli, che vive solo col sole come le lucertole e si gira ovunque il sole sia, come le banderuole fanno col vento, e poi a sera, come se fosse il rientro a casa, china la testa…

 

Ciao Uomo… e buon 8 marzo a te…Sorriso

 

 

42 risposte a “Un altro 8 marzo

  1. Tengo a precisare che non sono INCAZZATA… non particolarmente dai… è solo una bonaria presa in giro per quegli uomini che si ricordano delle donne solo l’8 marzo… eheheheh ^_^ E non solo… è una presa in giro anche per quelle donne che scimmiottando gli uomini, cercano di recuperare terreno con una serata a vedere lo spogliarello maschile!Per la scelta del fiore, confesso, è stato difficile (anche a me piace molto il girasole) ma era l’unico che avrei potuto associare a questa ‘figura’ di uomo… e poi, i girasoli non crescono mai da soli, sono sempre in gruppo, come gli uomini quando fanno comunella :PPPP

  2. Ihihih…ti ho capita sai!!??Infatti hai notato che anche io sono rimasta sull’ ironico andante!Comunque approvo completamente anche questa tua risposta!Io sono uscita una sola volta con alcune amiche da ragazza, perchè hanno insistito..e non l’ ho mai più fatto!Questa forzatura a doversi divertire per forza quella sera, ma perchè?E’ uno svilimento totale della donna che crede nella Donna e nella sua forza e non nel giorno della Festa della Donna e basta!Ti abbraccio e ti ringrazio per essere come sei!Ciao, Sabry

  3. la festa della donna è ormai come la festa della mamma del papà del nonno sanvalentini e compagnia cantantela grandi donne sono rare, come i grandi uomini. quando ne incontro qualcuna festeggio sul serio… anche se non è l’8 marzo.per cui non faccio auguri non regalo mimose (poveri alberi!!) non faccio il gentile.e lo spogliarello… solo a chi lo merita :-P…ciao, signora… a te un augurio lo faccio: di essere come sei.

  4. sono una persona e non amo essere qualificata per sesso . Non partecipo alle serate da otto marzo . Ma parte della responsabilità nell educazione dei cd maschi è anche nostra .

  5. @FabL’ho sempre sostenuto (pur non avendo figli): sono le madri che rovinano i figli maschi… e te stai attenta :PPPP

  6. sto cercando di usare la massima attenzione nell’educazione del "pargoletto" e nella rieducazione di messere il coinquilino.francamente specie con il coinquilino, l’impresa è a buon punto…mi complimento con me!!

  7. però Ross…il girasole è il mio simbolo!!!!

  8. @FabNon avevo dubbi sulla rieducazione attenta del coinquilino… mentre sapevo benissimo che ne avresti sollevati tu sul girasole ;-)))

  9. "Se non ti ricordi del suo compleanno e non giri per negozi per sceglierle un regalo … ma cerchi di cavartela col solito ‘gioiellino’ sbrigativo suggerito dall’orefice di fiducia …" beh, qui potremmo anche chiudere un occhio … basterebbe sapere qual’è "l’orefice di fiducia" … tanto per dargli qualche suggerimento!! ;)naturalmente, scherzo! clap, clap, clap!!! bellissimo intervento!!! non ho mai amato questa "festa", non mi è mai piaciuta e mai [(almeno credo … "mai dire mai"!! ;)] mi piacerà … certo mi dispiace per il girasole che è stato scelto come paragone (io adoro i girasoli) … ma credo che non avresti potuto trovare un paragone più azzeccato!! :)

  10. Detesto le donne che vanno a ballare sui tavoli o a vedere maschioni seminudi che si spogliano…per festeggiare.Trovo carino incontrarsi tra amiche, ma non vedo perché farlo proprio in quella data.Sono d’accordo sulla superficialità di certi maschi, ma adoro la mimosa, che, tra l’altro, mi ricorda quand’ero bambina ed amavo arrampicarmici sopra, utilizzare i baccelli estivi come fagioli da cucinare alle bambole e gli aghetti delle foglie come spezie.Mi piace da sempre quel giallo puro.Se qualcuno mi fa degli auguri senceri, senza polemiche ne ironia, li accetto.Non sarà una data a cambiare la mia consapevolezza di donna.Siccome appartengo alla categoria posso farti degli auguri sinceri.Non mi sognerei di regalarti mimosa, ma un tulipano lilla?;-)Ciao!Kali

  11. scendo in campo a difendere i fiori, per il resto…..se cominciassimo a regolare i conti da quel grido: al rogo!!!! al rogo!!!!

  12. Ma quanto mi è piaciuto leggere queto post? Tanto!… Ma quanto mi piaci Ross…. ha parlato per me, per te e per molte…molte…. molte…. donnine…. Un abbraccio e buon fine settimana…Paola

  13. ogni anno la solita solfa?la prima risposta è:"avete voluto la parità? e allora tenetevela" tutto il resto è questione di educazione e sfortuna negli incontri

  14. @MauroTanto per cominciare, credo che tra la parità e quello che abbiamo "ottenuto" ci sia una notevole differenza.E’ comunque già di per se offensivo doverla chiedere la parità. Secondariamente, più mi guardo attorno e più maleducazione vedo. Alla sfortuna non credo [e non mi ritengo sfortunata] … Ma al calcolo delle probabilità credo eccome.

  15. passo di qui x caso … spero che tu abbia un motivo x scrivere cio’ …. e nel caso mi dispiacerebbe x te … ma nn generalizzare !! nn tutti siamo gli stessi , credo nell’importanza della donna nella vita sociale , e nn lo dico magari x altri motivi che a noi maschietti possono interessare . e cmq il girasole e’ un fiore bellissimo . detto cio’ ti saluto e buona festa a te …

  16. Signora…non ci conosciamo ma c’è Paola come contatto in comune. Devo dirti grazie e ancora grazie !! Questo post è talmente divertente, veritiero e tagliente e gli inevitabili commenti banali dei maschietti ne sono la prova. Ho scritto anch’io un post sull’8 marzo ma molto piu’ incazzato del tuo….passami a trovare …ne sarò lieta !Patti

  17. Ultima cosa : non regalate mimose uomini !! Hanno un brutto odore edopo due gioni sono già ammosciate ma se proprio volete regalate un diamante : quello si che è per la vita !!! :-)))))))))))

  18. Rispetto le donne che festeggiano la "festa delle donne" ma a dire il vero mi mettono un po’ tristezza. Qui dalle mie parti molte escono in gruppo (solo donne) vanno a mangiare insieme ineggiando per una sera al loro essere donne vs gli uomini, in particolare vs i loro uomini. Boh… non mi interessa, la mimosa nn mi piace e se devo dire qualcosa a un uomo gliela dico. Il problema della parità, oggi, lo trovo necessario da discutere in quelle culture dove con leggi (tribali) la donna è veramente relegata ai margini della società, qui il problema a mio avviso non si pone! Insomma, avrebbe senso se donne e uomini (insieme ;-)) "scendessero in piazza" e condannassero tali manifestazioni di inciviltà! Per il resto… se qualcuno desidera regalarmi un fiore o un sorriso… tutti i giorni sono buoni ;-))

  19. UAHUAHUAHUAHUA!!!…bellissimo…..:-)))

  20. Per la serie: mettiamo le cose in chiaro…Comunque, cara Ross, gli uomini le cui caratteristiche hai elencato sopravvivono e si riproducono perché ci sono delle donne che li accettano e li vogliono così… e sono le donne che vanno a vedere lo spettacolo di spogliarello l’otto marzo, o vanno a vedere il concerto di Califano organizzato a Roma (ma l’avete letta, questa? Cose da pazzi…)E sai che ti dico? Buon sette marzo!

  21. @TUTTIRipeto… non sono incavolata con i signori maschietti! O meglio, lo sono con quelli i cui stereotipi rientrano tra quelli sopra elencati. So benissimo che non siete tutti così, ma abbiate la decenza di non negare l’evidenza: la maggior parte, purtroppo equamente divisa tra giovani e di mezza età, sono così. Ha ragione Federico: la ‘colpa’ se tale può essere definita è anche di quelle donne che glielo permettono. Ryan, come ho già detto prima. questo post vuole essere una presa in giro sia per gli ometi che per le femminucce prese dal sacro fuoco del post-femminismo. Ma è così dificile essere solo DONNE e non femmine?? Fede…. ho ancora i brividi per aver letto la notizia del concerto del Califfo. Scusa, ma non ti sembra una presa per i fondelli??E grazie per il buon sette marzo che ricambio di cuore!

  22. Ross, quando credi di averle viste tutte, il nostro belpaese ti stupisce ancora…

  23. Fede… sai che ti dico? questo è uno dei pochi casi in cui odio essere stupita :S

  24. @AntonellaNn so di dove tu sia, ma questa sagra dell’uscita tutte donne la sera dell’8 marzo, col senso della trasgressione, è comune anche dalle mie parti. E permettimi di dissentire, ma a me sa molto di revanche femminista assurda, considerato che siamo nel 21° secolo, per non parlare del cattivo gusto nel frequentare locali con strip-teases maschili (io li adoro, ma in privato… ). E’ il classico ‘troppo che stroppia’. Allo stesso modo, dissento sul fatto che il problema della parità da noi non esista. Non siamo certo ai livelli afghani o pakistani, anche se spesso le donne si ‘dimenticano’ che c’è voluta una resistenza partigiana per dare il voto alle donne in Italia. Le prime donne italiane sono andate alle urne solo nel 1946 … quindi non ergiamoci a paladine della civiltà occidentale. Ci sono comunque tante situazioni anche qui da noi che andrebbero valutate con maggiore obiettività e oggettività. Parliamo del mondo del lavoro? quante donne a parità di lavoro hanno lo stesso trattamento economico e lo stesso livello di un uomo? (e se mi permetti, questo lo so sulla mia pelle dopo 34 anni di vita lavorativa piena)Parliamo della politica? dove le ‘quote rosa’ sono imposte per legge? e non xkè le donne non abbiano intenzione o capacità di impegnarsi, ma perchè le liste privilegiano gli uominiParliamo del diritto di famiglia, secondo il quale, la patria potestà per essere trasferita all’altro genitore deve ricevere l’ok del tribunale dei minori?devo continuare? potrei dire che per il capo del nostro governo, potremmo sempre accasarci con un buon partito… ma questo sarebbe fazioso, lo ammetto :-)))

  25. @Mauro"""Articolo 1Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.Articolo 21. Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciati nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione.""for guidance only….ps. abbiamo ‘ottenuto’ un diritto??

  26. Posso entrare?.. . io ho sorriso alla lettura di questo post. Sia per noi donne che per voi uomini.E non vado a vedere "spogliarelli" ne tantomeno concerti di Califano…La frase "avete voluito la parità? e allora tenetevela2" spero sia una battuta da fare in allegria come è da prendere in allegria questo post.E per quanto riguarda la frase "gli uomini le cui caratteristiche hai elencato sopravvivono e si riproducono perché ci sono delle donne che li accettano e li vogliono così"… beh… purtroppo è vero ma non sempre è facile agire diversamente …ma questo è un altro discorso… e va oltre l’8 marzo e il suo simbolo.Amo le rose e i tulipani, anche se sorrido al paragone con il girasole…

  27. Ma certo che sorrido Paola!!! E so bene che quella frase poteva essere una battuta (anche se, pure qui ci sono molti simboli per renderla tale), conoscendo la persona che l’ha scritta. Siccome qualche altro maschietto è però insorto a difesa della categoria, credo che una precisazione più seria sia necessaria, anche per le giovani donne che credono di essere nate con la famosa ‘parità’. E con questo, vorrei chiudere tutte le polemiche. Ci sono argomenti su cui si può e si deve scherzare, mentre su altri sarebbe meglio evitare. E la cosa buffa è che io con questo post volevo solo prendere e prenderci un po’ in giro… mah…

  28. "siamo donneeeeeeee oltre le gambe c’è di piùùùùùùùùùùù (per fortuna, le mie sono talmente corte che non si vedono!!) …donne, donneeee un universo in mezzo al bluuuuuuuuuuuu" …PS: dalla platea, mi sto divertendo un sacco a vedere tutto stò "accapigliamento" verbale!!! ;))PPS: per caso, ti è avanzato un raviolo??? devo ancora fare colazione …😉

  29. Cara Ross, siccome oggi è il sette marzo, concedimi ancora una finestrella… Non so se io sono fra gli "altri maschietti insorti a difesa della categoria", ma siccome abbiamo risposto in due o tre la probabilità è alta. Io credo (e non è un rimprovero a te, che sei persona intelligente) che il "difetto" sia il fatto che si parla di categoria. Se categoria deve essere, allora andrei a considerare quella degli imbecilli, che non conosce dentro di se discriminazioni di sesso, razza e religione. E perciò gli imbecilli che tu descrivi sopra sono donne e uomini, e l’importante è riconoscerli in tempo.CIò non toglie che diecimila anni di cultura siano difficili da sradicare e quindi questi imbecilli riescono a sentirsi in buona compagnia. E ancora oggi, davanti alla cronaca di uno stupro, una domanda frequente – e piena di offensive insinuazioni- è: ma non poteva dargli un calcio, o un morso, o urlare… Questa è imbecillità, e non è questione di essere maschilisti o femministi, di essere rumeni o italiani, musulmani o cattolici.Di nuovo, buon 7 marzo!

  30. @LillaSul tuo divertimento non avevo alcun dubbio :-)) e sono certa che tu avresti fatto altrettanto al mio posto.C’era anche un’altra opzione, ma ho ‘preferito’ non avvalermene … Per i ravioli… ehm… sorry…. spazzolati tutti…. esattamente come il vitello con funghi e bambù…. E’ avanzato solo un po’ di riso alla cantonese ;-)))@FedericoTi concedo tutto lo spazio che vuoi, anche perchè (e qui ti tolgo il dubbio) tu non sei tra i maschietti incriminati (e lo sapevi bene…)Mi trovi d’accordo su tutta la linea: l’imbecillità non ha sesso. Odio il termine maschilista esattamente tanto quanto odio sentirmi dare della femminista. Purtroppo, al di là dei passi da giganti fatti da questa nostra società, i limiti ci sono ancora, da entrambe le parti. Saremmo finalmente liberi TUTTI quando impareremo ad abolire le ‘categorie’ e ad accettare le diversità che ognuno di noi porta in se.Buon sette marzo a e te e a tutti i viandanti!

  31. Sono contrario a questo tipo di ricorrenze che dovrebbero essere QUOTIDIANE ma ancora di più che venga omaggiata agli uomini che mi sembra (non tutti chiaramente) che di "festa" ne facciano già un po’ troppa, o sbaglio?!? :P

  32. E’ sicuramente una festa tenuta viva dalla multinazionale dei fiori.

  33. un rametto di mimose: 2 euro!questo è il vero scandalo, e nessuno ne parla, la televisione è muta, i giornali ignorano questo gravissimo problema,i sindacati ignorano questa piaga sociale,il governo non interviene,tutti tacciono, tutti complici o tutti succubi.parità per le fresie!!!

  34. Dai, Mauro… L’economia deve girare… Non dobbiamo unirci al coro dei pessimisti alimentato dalla stampa comunista. Compriamo mimose (e anche tante fresie, così salgono i prezzi anche di quelle, anche se la Costituzione in realtà nulla dice a proposito della parità tra fiori)

  35. e i girasoli a quanto stanno? :P

  36. Gratis… Te li tirano praticamente dietro… Nessuno vuole regalare fiori agli uomini!

  37. E’ qui la festaaa…?A proposito, cosa/chi festeggiamo?

  38. Io l’8 Marzo ho deciso di lasciarlo alle donne. Vedo che ce ne sono alcune che si incontrano e prendono l’occasione al balzo per stare insieme tra donne ed immagino anche per confrontarsi sui problemi e le opportunità delle loro vite.Altre considerano questa festa una presa in giro.Le donne di casa mia (moglie e figlia) la lasciano trascorrere nell’indifferenza.Io non dico nulla. Rispetto tutte e basta.

  39. …il mio compagno mi ha regalato la mimosaaa!!!…non ho avuto il coraggio di dirgli che odio il suo odore dolciastro….:-((..WWWWW le Donne !!!(tutte!)bacio bella Signora :-D

  40. Mia moglie concepisce l’8 marzo come, giustamente, la festa delle lavoratrici.Non festeggia mai la festa della femministe! E cosi’ anche tutte le donne della sua famiglia d’origine.Probabilmente perche’ non ne hanno bisogno: a casa mia (ops, nostra) e anche in quella dei miei suoceri sarebbe piu’ sensato fare la festa dell’uomo, me misero assieme a mio suocero :-)

  41. arrivo tardi, ma domenica ho portato le mimose alla mia donna che non c’è più. sempre domenica, per la prima volta da che sono nata, mio padre mi ha regalato dei fiori. invecchiando si cambia – penso che non abbia mai regato fiori a nessuno nella sua vita

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...