Vite frettolose

Venerdì. Tempo mezzo grigio, con  un pallido sole che a, tratti, sgomitando tra le nuvole, cerca di farsi strada. E’ il 20 marzo… domani inizia la primavera, fatelo passare, signore nuvole!

 

“E’ uno di quei giorni che”… no, non parlo della canzone della Vanoni [anzi, a dire il vero, mi sono sempre chiesta perché, come già la ‘licenza poetica’ anche quella ‘musicale’ ammette gli errori di grammatica (!?!?)]… E’ uno di quei giorni ‘in cui’  mi diverto a riflettere sulle piccole cose, sinonimo di grande pedanteria o di introspezione pseudo-filosofica.

 

Stavo scrivendo una mail ad un cliente asiatico e, come al solito, ho abbreviato dei termini. Poi ho riletto prima di premere il tasto INVIA e c’era qualcosa che mi disturbava visivamente: avendo in automatico il correttore ortografico inglese, Outlook mi segnalava due errori. Quei due segni rossi mi davano fastidio, come fosse un compito corretto dal professore. Leggo e mi accorgo che sono due abbreviazioni: ‘yr’  e ‘rtn’. Ma non sono errori, esclamo da sola a voce alta! E’ come se in italiano qualcuno mi dicesse che vostro non si abbrevia con Vs. (che infatti non mi viene segnalato come errore!).

 

E la mente ha fatto un balzo di trent’anni indietro e in un flash-back ho rivisto le scene col mio capo, il quale, strenuamente, tutte le volte in cui gli portavo un telex da trasmettere per la sua sigla, mi correggeva i termini con l’uso del  linguaggio delle telescriventi, con abbreviazioni varie, per risparmiare tempo di trasmissione, ed io, da brava ribelle, attaccavo tutta una filippica nel dirgli che quel linguaggio tutto abbreviazioni non era corretto!

 

E oggi? Oggi è ormai questo il linguaggio di uso comune. E’ un po’ la rappresentazione della nostra vita quotidiana, sempre di corsa, alla ricerca del mezzo tecnologico che ci faccia recuperare i tempi morti, cercando di programmare al millesimo di secondo ore giornate settimane o mesi.

Tutto sperando di ‘risparmiare’ tempo. Ma tempo per cosa?

Tempo per fare una passeggiata, naso all’aria, senza che lo sguardo cada sempre sull’orologio,

tempo per uscire di casa, senza meta, con la fotocamera per fermare immagini di istanti,

tempo per sedersi in un caffè all’aperto davanti al Porto Antico con un giornale in mano e guardare di tanto in tanto l’umanità che ti scorre davanti,

tempo per sedersi sulla sedia a dondolo sul terrazzo con un libro in mano, anche se la cucina è ancora da rigovernare…

 

La sera, quando vado in piscina, incrocio spesso delle scolaresche che hanno finito i corsi e affollano lo spogliatoio e colgo i loro dialoghi: sono tutti bambini super impegnati, tra piscina, calcio, danza, gite scolastiche, ecc.

 

La vita frettolosa inizia già alla loro età …

 

 

 

 

PS. Dopo questa ridda di pensieri, ho riletto la mia mail e ho corretto i due termini: your e return.Ho visto quindi il mio ‘compito’ pulito… e ho premuto ‘INVIA’…

 

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

17 risposte a “Vite frettolose

  1. Anni fa si diceva che i computer avrebbero fatto risparmiare carta. Io so solo che 1500 fatture annue mi stavano in 2 faldoni e ora stanno in 15. I computers sono sempre più veloci, ma i programmi sempre più mastodontici, i sistemi operativi elefantiaci. Risultato la nostra percezione del tempo di accensione e di spegnimento è più o meno la stessa dal pentium a 100 mh a quello di adesso che non so come si chiama a 5 gigahertz.Il computer ci permette di fare un sacco di cose più velocemente, tipo ordinare libri senza andare a cercarli in una libreria nel centro inavvicinabile di una grande città, ma anche di fare cose che non ci sarebbe mai venuto in mente di fare. E così i libri non li leggiamo perchè stiamo chattando di cazzate.Non perdiamo più tempo ad andare a cercare la cabina telefonica funzionante e il relativo gettone per fare la telefonata importante, ma in compenso perdiamo tempo al cellulare scrivendo cazzate per sms.Abbiamo macchine più sicure e più veloci.Le incontrate mai per strada, le 500? o le vecchie 850?Viene da chiedersi come si faceva ad entrarci dentro famiglie intere con tutta la roba per il mare. Ombrellone e ghiacciaia compresi, tavolinetti e teglia della lasagna. Però spostarci in città non lo facciamo. E’ impossibile e preferiamo starsene nell’angolino in periferia, tanto il parcheggio non si trova. Alla fine, il nostro tempo è sempre lo stesso, siamo noi a scegliere con cosa riempirlo. Con quello che serve per fuggire (il tempo) o quello che ci serve per crescere.

  2. Odio le abbreviazioni.TUTTE!Se non si corre non si è competitivi, almeno nel lavoro.Ma correndo si rischia la superficialità e l’errore, per questo, la vera sfida è la ricerca dell’equilibrio, tra il correre ed il non cadere.La calma ci dona il tempo di un pensiero, di una foto, di una riflessione, di un ascolto.Tu la sai trovare: non è da tutti.Buona giornata.kali

  3. Ps :-) la primavera è iniziata oggi, alle ore 12.44 equinozio.

  4. @RobertoWowww… ecco perchè le nuvole si sono scostate e ora c’è un bel sole :-))

  5. da te forse. da me fa un freddo … :-/

  6. sì, ho letto… freddo neve e gelo al centro sud… che ti devo dire? saremo l’isola felice?? :-))ps. e ora vado a farmi quella passeggiata di cui sopra… alle 14 lezione di Spagnolo nell’aula De Andrè in via del Campo….

  7. oggi su roma il sole per fare "capoccella" deve faticare non poco … il cielo è interamente grigio e l’aria è gelida … uffa … altro che primavera … fa più freddo che a natale!! :(PS: non ti dico dove faccio l’aerosol mattutino … per risparmiare tempo!!! :))PPS: odio le abbreviazioni … "tt" "tvtb" "xk" "qls" … "bleah" … (quest’ultima, è l’abbreviazione di "che schifezza"!!!) :))

  8. Non mi sono mai piaciute le abbreviazioni…. nemmeno quando scrivo i messaggi al cellulare le uso.Pensa che al lavoro, m’infastidiva persino siglare i fogli con le mie iniziali…ma alla fine ho desistito…troppo lungo il cognome…Meno male che è iniziata la primavera…. qui freddo, persino neve a Brescia. Isola felice?… credo di si…o per lo meno, accontentati….

  9. Io corro e risparmio tempo, per venire qui sul Blog di Ross.Evviva ! Anche oggi ci sono riuscito….

  10. freddo, freddo, altro che primavere ed equinozi!e il tempo ricavato serve per leggere e tricottare:-De le abbreviazioni stanno antipatiche pure a me e non solo ad outlook:-))

  11. Magari riuscissi a risparmiare tempo per una passeggiata…quando ci riesco è solo per andare a dormire prima, tanto sono stanca della giornata!Oggi a Roma è una splendida giornata di sole, un pò freddina per la verità, ma splendida.Buon we

  12. a me capita che avanza a lavoro e manca quando sono a casa….spesso psicologicamente mi riposo a lavoroil che suggerisce….1-a lavoro non faccio un c……2-a casa mi fò le seghe mentali

  13. marcooooooo!!! tra le due, direi… buona la prima ;-)))

  14. ciao tesorucciospero di beccarti prima o poi

  15. A volte credo che tanti si riempiano la vita di impegni proprio perchè senza di essi s’accorgerebbero del loro non esistere come persone ma solo come semplici ingranaggi di un meccanismo subdolo che tritura tutto. Al contrario adoro guadagnare tempo per farne anche l’uso più sciocco o banale ma tanto per non perder la sensazione di esser io a gestirmelo. O forse è solo un’illusione…

  16. Nella fretta non si ricorda nulla. Perciò non esiste.

  17. Eh, che considerazioni profonde… Ma ho troppa fretta per fermarmi a rifletterci su.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...