La tramontana

 
…Inventa quello che vuoi
per farci ridere un po’
inventa pure dicci,dicci perche’.
Quello che adesso diro’ per farvi ridere un po’
non e’ invenzione ma e’ la verita’.
Da quando il giorno non e’ piu’ il giorno,
da quando il sole non e’ piu’ sole
da quando l’alba si e’ fatta strana
ho perduto la tramontana…


 

Stasera, finalmente, sono riuscita ad arrivare a casa ad un’ora decente e, come abitudine, ho sentito il TG. Con mia grande sorpresa (?!?!) delle notizie apparse oggi sui quotidiani nemmeno l’ombra. Non ho sentito parlare della denuncia fatta all’Ospedale Fatebenefratelli di Napoli di una donna ivoriana, in attesa dello stato di rifugiata politica, che non ha potuto allattare il figlio appena partorito [in ottemperanza ad una legge non ancora approvata..], nessuna notizia sull’attacco fatto da esponenti della maggioranza al protocollo di Kyoto (mentre si stava aprendo anche un G8 sull’ambiente a Londra…). E questo solo per fare un esempio. In compenso anche i giornali sono pieni di notizie sensazionalistiche, di scarso valore ed importanza, come le interviste alla nuova candidata PDL ex letterina…
 
Certo che dall’emittente di Stato che non ha detto una sola parola sullo sciame sismico che sta imperversando in Abruzzo da 3 mesi, non c’era da aspettarsi niente di diverso…
 
 

 
E mi è venuta in mente la canzone di Antoine (che forse i più giovani non ricorderanno) e mi chiedevo ‘chi’ ha perso la tramontana: noi che ascoltiamo le notizie che ci vengono propinate, con i dovuti aggiustamenti, con un ordine di scaletta degno di un programma di varietà, o i rappresentanti della stampa, giornalisti, opinion makers, etc.???
 
Meditate gente… meditate…
 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons
 

21 risposte a “La tramontana

  1. …i media sono una disperazione…..ormai leggo solo piu’le notizie su internet il sole24 ore e giornali specifici per il mio lavoro….e topolinoo!!:-)))notte Rossssssss

  2. dovremmo tornare nelle piazze……..quelli stessi di cui parli, ogni giorno ci propinano paura l’un dell’altro, in tal modo da rimanere chiusi in casa……ma la prossima rivoluzione partira da queste vie;nonostante, anche qui spargono il terrore del mostro internet

  3. I giornalisti sono incredibili… nel senso che non ci si può fidare di ciò che dicono (o che gli vien suggerito di dire), copiano ed incollano le notizie senza indagini ne approfondimenti.

  4. @TUTTIstando alla definizione di Wikipedia: "Le notizie per essere pubblicabili devono rispettare alcuni requisiti, necessari per riportare correttamente il fatto e risultare interessanti, indicati con il neologismo notiziabilità:Effetto: quante persone sono o sono state coinvolte? Tempistica: l’evento è recente o in corso? Novità: ci sono nuove informazioni in proposito? Vicinanza: l’evento è vicino geograficamente? Più sono elevati questi parametri, più la notizia risulterà potenzialmente interessante ad un lettore.Si possono considerare anche altri parametri non tradizionali:Divertimento: è una storia buffa o comica? Stranezza: l’evento è molto insolito? Celebrità: è coinvolto qualcuno molto famoso? Non c’è scritto da nessuna parte che debba anche essere VERA! :-S

  5. dunque … andiamo per ordine …io sono giovanissima eppure, la canzone di antoine la ricordo benissimo😉 detto questo … tu parli di "emittente di stato" … ma forse sarebbe meglio dire "emittente della presidenza del consiglio" … perchè se la vediamo in questo modo, sicuramente tutto "torna" … odio i telegiornali, mi sembra di essere l’interprete di un film horror ogni volta che lo guardo … giusto per non rimanere "fuori dal mondo", leggo le news su repubblica on-line o ascolto il gr2 la mattina mentre vado al lavoro … ma se potessi, oggi come oggi, vivrei volentieri nella mia ignoranza …

  6. Associazione Trans Genere

    La gente o almeno la gran parte di essa, stimabile in una cifra prossima al 51% (qualcuno dice e spera),non ha voglia di informarsi. Avrebbe tutti gli strumenti per farlo ma è stata ammaestrata a spendere tempoin telenovelas, giochi a premi e quant’altro li porti più lontano possibile dalla percezione della realtà.E bisogna dire che ci sono riusciti proprio bene nel progetto visti i risultati!

  7. e cosa deve fare una ‘povera donna’ che invece non ci sta a farsi intortare il cervello???deve continuare ad urlare a perdifiato a costo di sembrare una pasionaria? forse sì… :-S

  8. ne hanno parlato solo al tg 3. meno male che esiste ancora una sacca di resistenza!

  9. io preferivo taxi!

  10. Personalmente cerco di recepire + informazioni possibili, il 60% sono inaffidabili in partenza e da approfondire, un buon 30% sintetiche provenienti dalla radio o da titoli sbirciati al bar da approfondire, un 5% per sentito dire quindi da verificare… il resto è tette, culi, gossip, reality, cazzate di studio aperto e ne farei piacevolmente a meno… morale della favola: passano più giorni prima che io riesca ad informarmi decentemente su qualsiasi cosa! Importante è non dar mai per buona una sola campana.

  11. In questi giorni non ho avuto tempo di “postare”, ma avrei voluto scrivere degli stessi argomenti che hai citato tu… Ma poi mi chiedo anche a che serve. Ogni giorno ce ne riserva uno, sempre peggiore. Il problema è che ci hanno abituati a tutto, abituati a essere rassegnati…E così non sappiamo (o se sappiamo non commentiamo, o se commentiamo non ci indigniamo) della mozione di Dell’Utri sull’ambiente che tu hai citato, della nuova normativa sugli incidenti sul lavoro che ridurrà la perseguibilità dei Datori di lavoro responsabili, del piano casa che vuole cementificare le nostre città e rischia di distruggere quel pochissimo di decente che ancora c’è in Italia, e delle tante cose – anche piccole – che questa classe di potere ci sta facendo passare sotto il naso (ne dico solo un’altra, di febbraio ma che ho scoperto oggi: nel famoso decreto milleproroghe – meglio sarebbe chiamarlo milleporcate – hanno cancellato una precedente normativa introdotta da DiPietro rendendo quindi possibile alle società di gestione delle Autostrade di affidare commesse e appalti senza gara pubblica… Agli amici degli amici, insomma… I maligni pensano che sia un modo di ringraziare per l’impegno in Alitalia… Ne sapevi niente tu? Io no…)

  12. ah di questa non ne sapevo nulla…. sapevo che il ‘milleporcate’ aveva anche cancellato dei Comuni… ma questa no[comunque sulla questione Ali-taglia mi era bastata la lettera di quell’ex comandante che ha incontrato uno degli investitori… altro che truffa di stato… devo ancora capire come hanno fatto a Bruxelles a lasciar passare la ‘bad company’…]Il fatto è che IO non mi voglio rassegnare… scusate tanto… ma non mi è mai andato bene il ‘credi per fede’ che diceva il mio prof di matematica e fisica… figurati se inizio ora!

  13. Mi ero preoccupata per lo "sciame sismico" abruzzese dopo aver letto il tuo post, ho salvato tra i preferiti il link ed ogni giorno andavo a vedere… sempre più preoccupata.Mò è successo il disastro! (Annunciato volendo), purtroppo non ho avuto la possibilità di approfondire la notizia in questi 2 giorni… hanno fatto menzione delle scossette precedenti?

  14. Ma guarda… ho appena trovato questo:La scossa era prevista:polemicheAllarme lanciato da un ricercatore"Prevedo un terremoto". E l’infausta profezia si è avverata. A lanciare l’allarme su un imminente disastroso evento sismico in Abruzzo era stato, una settimana fa, un ricercatore dell’INFN dei Laboratori nazionali del Gran Sasso, Giampaolo Giuliani. Le previsioni di Giuliani si basano sull’analisi di un gas (il Radon) sprigionato dalla crosta terrestre. Lo studioso era stato denunciato per procurato allarme.La "profezia" del ricercatore, che ha suscitato il panico tra i cittadini dell’Aquila e di Sulmona sull’orlo di una crisi di nervi a causa dallo sciame sismico che da metà febbraio fa tremare la terra in queste zone, gli è costata una denuncia per procurato allarme dopo una riunione d’urgenza della Commissione grandi rischi della protezione civile. Le previsioni di Giuliani si basano sull’analisi di un gas (il Radon) sprigionato dalla crosta terrestre; il tecnico ha impiegato due anni per costruire uno strumento in grado di rilevare, osservare e studiare il Radon con l’aiuto di un sismografo che, a causa dell’intenso sciame sismico che ha interessato la zona negli ultimi mesi, ha insospettito lo studioso.E ora è polemica, dopo che una settimana fa il sindaco di Sulmona, Fabio Federico, si era scagliato contro le previsioni dell’esperto che si era "prodigato" a impaurire i sulmonesi e che invece, come i fatti hanno purtroppo dimostrato, avrebbe forse meritato maggiore attenzione.

  15. @KOILa notizia dello ‘sciame sismico’ io l’avevo avuta di prima mano dalla mia amica Fab che abita proprio vicino alla zona interessata stanotte dal sisma.Ricordo che quando me lo disse in messenger, e mi precisò che erano circa 3 mesi che continuavano queste piccole scosse giornaliere inviandomi il link che tu hai visto, la mia prima reazione fu proprio quella di chiedermi come fosse possibile che nessun notiziario di qualunque colore ne avesse parlato. E lei, con rassegnazione, mi disse che ‘senza morti un terremoto non fa notizia’.La denuncia per procurato allarme al ricercatore che ‘avrebbe’ trovato un sistema per prevenire o quanto metto allertare la vicinanza di un sisma, specie se in presenza di segni evidenti come quelli cui sopra, l’ho letta anche io oggi. Siamo veramente di fronte alla cecità totale e all’ottusità di chi non vuole riconoscere un possibile progresso che non deriva da studi super finanziati e sponsorizzati ma dalla semplice curiosità di un uomo. Non siamo molto lontani dal processo per eresia fatto a Galileo Galilei … siamo in fondo lo stesso popolo che si bea di paroloni in bocca a chi ha una posizione raggiunta non per meriti propri ma per capacità politica.

  16. Antoine la tramontana la perdeva per il "filo di una sottana". Era più bello e più sano. Qui se si va a scavare, si rischia di scoprire una informazione totalmente asservita ai poteri economici e politici.

  17. vorrei ricordare quello che è successo a quei poveri cristi di via Pindemonte a Palermo…DIMENTICATI…costretti a far fronte DA SOLI…al risanamento delle loro case,anzi invitati dal COMUNE a far fronte il più presto possibile alla messa in sicurezza previa denuncia penale…a come e cosa NON ha fatto la PROTEZIONE CIVILE per loro…a cosa non ha fatto lo STATO per loro…a quello che non ha più scritto la STAMPA per loro…senza nulla togliere alla tragedia che è successa in Abruzzo,senza nulla togliere importanza a questa notizia…ma ricordiamoci solo una cosa…SIAMO SOLI.. e finchè determinate cose anche disastri portano acqua al mulino della gente che conta, noi saremo sempre e solo CARNE DA MACELLO…scusa Ross…

  18. @rònon dimentico certo quello che è successo a Palermo. Per mia mentalità tutta personale, non ho mai contato su interventi esterni, tanto meno sulla PROTEZIONE CIVILE, senza nulla togliere a ciò che hanno fatto in passato (purtroppo soprattutto all’estero) e sullo STATO. Sulla stampa ho già espresso i miei dubbi, ma devo dire che a livello locale avrei creduto ci fosse una risposta migliore. Al mio attivo ho – a causa della mia età – tanti e troppi ricordi di situazioni assurde come il terremoto del Belice, e ricordo le persone dei paesi della cintura etnea (visto che io abitavo all’epoca a 30 km da catania) che, senza attendere nessun deus ex machina, si organizzavano con convogli di tende coperte e viveri e li portavano direttamente a destino perchè non si fidavano della croce rossa. 8 anni dopo ho assistito al terremoto del Friuli e alla successiva ricostruzione immediata, mentre in Sicilia la gente stava ancora nei prefabbricati. Diverso bacino elettorale e diverso trattamento dello stato, unito ad un carattere ben differente delle popolazioni locali. 1980 – Irpinia. Credo che non sia molto che sono finiti i processi per i fondi MAI arrivati alla popolazione, ma finiti nelle tasche di politici locali. Se accettiamo situazioni del genere, forse meritiamo di essere trattati da CARNE DA MACELLO. Abbiamo solo un’arma da poter sfruttare, ma a quanto pare, la mentalità italiana è quella dello sciacallo. Ognuno pensa solo al proprio orticello. Anche in queste tragedie. Per non parlare di quei giornalisti che aspettano queste notizie per fare maratone televisive… che skifo….PS. bentornata…

  19. avevo bisogno di sfogarmi Ross….leggo continui appelli relativi a questa tragedia,dagli stessi che hanno vissuto con noi la situazione di fabio…gli stessi che probabilmente se ne sono sbattute le palle di tutte le mail,tutti gli appelli,tutte le richieste fatte per sensibilizzare la tragedia che ha colpito gli sfollati di via pindemonte..persone che conoscevano…perchè si sa..fa moda parlare di determinate cose, ti mette in luce il solo mettere nel tuo status "accendiamo una candela per l’abruzzo"…poi tutto questo succede al tuo conoscente,al tuo vicino di casa e giri la faccia dall’altra parte,e questo lo fa il popolino,figuriamoci i mass media….sono schifata…

  20. @Ròbeh, allora credo proprio che tu abbia sbagliato indirizzo a lasciare questo messaggio da me. Non ho lanciato nessun appello, nè ho parlato del terremoto avvenuto, visto poi che questo post è del 1° aprile e qui si parla SOLO del fatto che ‘certe’ notizie non vengono date finchè non fanno audience, e meno che mai accendo ceri. Così come non mi risulta di essermene sbattuta delle mail, appelli, ecc ( e su questo TU SAI BENE che ti ho già risposto 6 mesi fa).A rifletterci bene, sono io quella che dovrebbe essere più nauseata da commenti che nulla hanno a che vedere con il discorso che si è intavolato. ps. per "tutti quelli che" hanno intenzione di rispondere alla raccolta TELECOM e VODAFONE per l’Abruzzo: mi è giunta voce che dell’euro donato con SMS, 60 centesimi vengono trattenuti dall’operatore telefonico. Qualcuno ne sa nulla?

  21. fa una cosa Ross,cancella tutto..1) non ho scritto che tu te ne sei fregata,ne che hai sbandierato ai quattro venti status symbol2) ho si sbagliato in tempistiva e post,ma pensavo cmq che uno sfogo amico fosse sempre bene accetto3) ho fatto bene a uscire dalla blogsfera,se basta un commento a farti trattare in questo modo,a far nauseare in questo modo,visto che evidentemente neanche tu hai saputo ben capire che il mio scritto non era certo rivolto a te ma in generale…ALLE COMUNITY VIRTUALI E NON..chiedo venia…mi ritiro in buon ordine

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...