Cattivi pensieri

Ci vuole tempo per mettere in ordine i pensieri. Ce ne vuole ancora di più per i cattivi pensieri. Si cerca sempre di scacciarli dalla mente, ospiti non graditi, a volte inattesi. Ma loro sono sempre lì.

Credevo di averli sopiti, e quella vocina sempre buona dentro di me continuava a ripetermi:

 

‘Smettila di fasciarti la testa. Sapevi bene che sarebbe arrivato il momento di scrivere la parola ‘fine’, anzi te lo auguravi. E ora? Ora che si avvicina invece hai paura’

 

Ed inutili sono state le mie rassicurazioni alla vocina: “non è paura, è attesa, attesa di vedere come si svolgerà l’ultimo atto”.


Cara la mia vocina buona, hai visto che avevo ragione?

Hai visto che, come un prestigiatore tira fuori il coniglio dal cilindro, se ne è uscito col suo coup de théatre? Hai visto il ghigno con cui ha cercato di umiliarmi ancora una volta? Non trattenermi! Lascia che gli spacchi quella testa bacata! Come dici? Non serve? Oh sì che serve, serve a me. Non mi consolano gli sguardi degli altri che lo giudicano come un derelitto, un pezzente, non mi bastano!!!


Ok… è finita… hai vinto cara la mia buona coscienza… non ho fatto nulla… ho lasciato che scendesse quelle scale senza nemmeno lanciargli un insulto…

Ok, a volte hai ragione, forse l’indifferenza è l’arma migliore… ma non puoi impedirmi di sperare nella giustizia del destino, lasciami sperare che venga ripagato con la stessa moneta per tutto il male che ha fatto a me!


Come dici? Sono vendicativa? Sì. E non dimentico.

 

 

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

 

15 risposte a “Cattivi pensieri

  1. non dimenticare, non ti si chiede questo. Solo che il ricordo non ti faccia ancora male…avere la grandezza di "superarlo". Tu puoi.

  2. Stasera girovago qua e là e mi imbatto in kundera e ruggeri ed ora fossati… wow… temo che dovrà accadermi qualcoa di spiacevole :-DMi è tornata alla mente, leggendoti, questa citazione (che in tutta sincerità per ricordare nella sua esattezza ho dovuto ricercare nel web): Lo sciocco non perdona e non dimentica. L’ingenuo perdona e dimentica. Il saggio perdona, ma non dimentica (Thomas Szasz)… e non sono cattivi pensieri, sono solo pensieri

  3. Cercare la vendetta è pura perdita di tempo. Imporsi di perdonare idem. La cosa migliore è andare avanti senza guardarsi dietro. Poi magari, inaspettatamente, la vita ti pone davanti la possibilità di scegliere: puoi fare qualcosa che (magari solo per te) avrà il sapore della vendetta o del perdono. Allora guardi dentro di te e vedi cosa è rimasto: l’indifferenza, la rabbia o un po’ di comprensione, e scegli.

  4. (…)… non ho fatto nulla…(…)Hai fatto tantissimo invece!Quel silenzio, privo di insulti è stato l’insulto più grande!Qualsiasi parola l’avrebbe fatto sentire ancora più forte e Te l’unica sconfitta.La parola fine, che aspettavi…è arrivata,la giornata è stata terribile,il cuore maciullato,l’anima a brandelli…ma andrai avanti!Non metterli in ordine i cattivi pensieri!Mollagli un calcio e buttali in un angolo!L’ordine serve per ciò che vale la pena di ricordare…per tutto il resto, basta un saccone nero per la spazzatura indifferenziabile!Un abbraccio.Clara

  5. Penso che la parola "indifferenza" racchiuda molto… quasi tutto…Puoi ferire mille volte di più con questa parola. Questi tuoi "cattivi pensieri" sono legittimi, sacrosanti. Hai dentro ancora rabbia. Rabbia per un percorso di vita insieme sfumato…. rabbia per alcune cose che potevano accadere e invece non sono accadute, solo tu sai questi cattivi pensieri che forma hanno e l’importanza che hanno e hanno avuto per te….Indifferenza. Punto. Magra consolazione?…. Ma no…Hai ancora tanto da dare e tanto da ricevere. Aprilo questo portone, non dimenticare ma aprilo. Lui ha scelto la via di fuga più scontata, la finestra…ma chi se ne frega… spero solo sia stata una finestra al settimo piano e senza corda….Ti abbraccio….

  6. @BisbeticaNon conoscevo la citazione di Sazt. Comunque tengo a precisare che non mi ritengo ingenua e tanto meno sciocca. Ma non ho aspirazioni da saggia. Quindi… non perdono e non dimentico. Il perdono è inutile. Dimenticare è comodo, soprattutto per gli altri. ps. non ti piace nemmeno Fossati? pazienza. Io lo adoro. Evidentemente siamo su linee opposte.

  7. Capisco lo stato d’animo…e forse condivido l’evento …per fortuna riesco a dimenticare ..per stare bene..per purificarmi…il tempo cmq che tu voglia o possa oe non …cala un velo su fatti e persone..ti stimo cara Ross ed ammiro la tua energia ed intelligenza…ed ora..so per certo anche signorilita’!:-)

  8. i cattivi pensieri hanno quasi sempre ragione,però da quello che scrivi, davvero non ne vale la pena amareggiarsi,anzi se è la parola fine, meglio così.

  9. clap … clap … clap … sei stata grande … ma, non avevo dubbi!! :)non dimenticare serve per evitare di ripetere gli stessi errori … hai scritto la parola ‘fine’ nel migliore dei modi … puoi finalmente voltare definitivamente pagina …

  10. Come capisco l’amarezza della fine.Io non dimentico, e proprio per questo, non credo veramente di perdonare mai fino in fondo.Sembra che al momento io e te condivdiamo, per diversi motivi, l’amarezza.Sei una bellissima persona.Adoro Fossati.L’orologio americano, mi viene in mente ora.

  11. Il ricordo è importantissimo nella vita ma occorre dargli il giusto "valore". Deve diventare vissuto, storia, ma possibilmente mai ossessione. Ma questo è il rischio che corrono le persone che non hanno intelligenza e sensibilità quindi mi sento di dire che è un rischio che tu non correrai mai!Ti abbraccio forte e ti sono vicino.

  12. riconosci il tuo nemico e sbarazzatene in un modo o nell’altro……l’importante è sbarazzarsene!

  13. @Salmastro: so benissimo chi è il mio ‘nemico’ …. ma se dovessi sbarazzarmene finirei per … andare in galera! grrrrr@Enri: woww… un’altra Fossatiana convinta! evviva !!! [poi me la spieghi questa dell’orologio americano? ricordo un bellissimo dramma credo di Arthur Miller che vidi in teatro 30 anni fa… ma nn ho capito il nesso :PPP]@TUTTIGrazie, siete veramente troppo buoni … grazie della stima, dell’affetto e della presenza costante.

  14. Perché te la devi pendere tanto per qualcuno che probabilmente non merita nemmeno i tuoi pensieri?..pensieri che fanno del male solo a te stessa, non devi dimenticare, ma meglio ricordare il meglio, il resto ti fa solo male…più facile a dirsi che farsi!!! Provaci!…poi la speranza che anche questa persona soffra come un cane è l’ultima a morire!!!!Un caro saluto

  15. sput, sput, tiè! (anche da parte delle amiche di ross)tesoro, prima o poi morirà anche lui, oh se morirà!!!

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...