Quando si dice “aguzzare l’ingegno”…

Ci sono persone che alla fatidica domanda "Come stai?" ti rispondono ‘bene!" e immediatamente dopo iniziano a raccontarti tutte le malattie di cui soffrono, sintomi ed effetti indesiderati inclusi, e tu vorresti scappare lontano, o trovare immediatamente del ferro da toccare oppure altro… ehm ehm… Sorriso!
Poi ti guardano, ricordandosi all’improvviso che tu esisti,  e ti chiedono a loro volta "E tu come stai?’
Se c’è una cosa di cui odio parlare, sono proprio le mie malattie… quindi tutte le volte che mi fanno questa domanda, chiudo frettolosamente la conversazione con "Benissmo! anzi guarda, ora devo proprio scappare perchè mi aspettano!"
 
Accade invece poi che ti ritrovi a casa, stanca e dolorante, e i pensieri iniziano a girare da soli, e la cosa non ti piace proprio per niente. Una visita dal medico, una serie di esami, una mezza diagnosi… e sei costretta a parlarti. Già. Non ti puoi raccontare delle balle. I problemi ci sono. Affrontabili. Quindi, tirati su le maniche e cammina!!! Stare tra le quattro mura ti fa male.
 
Ed ecco che ho passato una settimana tra camminate, impegni "inventati", piscina, viaggi in auto, e visite saltuarie in ufficio. Stamattina, anche se era domenica, mi sono messa la sveglia a 8. Colazione e giornale, e poi una bella ripulita alla cucina, quei lavori che rimandi sempre, poi verso le 13, mentre pranzavo, un lampo di genio: però, oggi potrei provare a… girare tutto il salotto! A bocca aperta
 
Sposta i divani, sposta la scrivania nell’angolo opposto, sposta il televisore, sposta la linea adsl ed il telefono, con tanto di passaggio cavi e canaline, ricollega DVD e Home Theatre, passa aspirapolvere, lava e incera.
 
E stasera alle otto, la stanza sembra un’altra!!!Sorriso
 
 

 
Ora sono un po’ indolenzita, qualche doloretto alla schiena, ma, vi assicuro, l’effetto psicologico è molto positivo. E martedì, si va di trasloco scaffalature in ufficio!!!
 
PS: poi Fabrizio ha il coraggio di dirmi che ‘batto la fiacca’… 
 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons
 
 

22 risposte a “Quando si dice “aguzzare l’ingegno”…

  1. sei sempre molto attiva tu….ps vengo passo di lì arrivo….parolaia :)

  2. Al fatidico "come stai" io li spiazzo con uno "standard" che significa tutto e niente e non incoraggia l’approfondimento.Ho provato con "son fatti miei" ma, chissà perchè, mi davano del "brutto carattere".

  3. Dall’eta di 7 anni ho l’abitudine di spostare mobili in casa. Da piccola i mobili della mia cameretta cambiavano posto con una frequesnza di 2 mesi. Mia madre non si e’ mai capacitata della forza di una bimba mingherlina che da sola spostava armadi e letti facendoli ruotare a botte di spalla.Recentemente mi ha detto.:"Dovevo capire da quello, quando sin da piccina spostavi mobili e rivoluzionavi la tua cameretta, che avevi in te una grande forza". Non parlava di forza fisica.Ecco, Ross, io ti vedo un po’ cosi’. Una donna con una grande forza.

  4. direi che non potevi far di meglio, e non sto scherzando..l’effetto finale é stupefacente.Grande Ros, così si fa😉

  5. brava Ross!!….ho fatto qualcosa di simile al mio ritorno vacanziero…in piu’ho cartavetrato 10 finestre e dato due mani di flatting…..domani mattina piscina pero’!!!:-)))…

  6. pensavo, mia carissima amica, che se riesci a spostare mobili e a far pulizie in casa – chè, per chi non lo sapesse, sono i lavori più rognosi che esistano, altro quello che fanno i metalmeccanici! – allora, dicevo, se riesci a far questo i tuoi problemi di salute possono fare la valigia e ritornare lì, da dove son venuti!:-DD affanciullo le malattie se trovano una tostissima ross ad abbatterle!:-DD ( però mi raccomando, non esagerare con tutti ‘sti lavori, chè poi ci prendi gusto e ci diventi una casalinga disperata!!:-DD ) baci grandi

  7. Brava Ross ? ma va laaaa, anche prima andava più che bene.Ma non era meglio andarsi a fare un bel giretto in montagna, vista la stagione.Controllare le rotelle per favore, amici compresi che ti supportano, ehehC’è un tempo per ogni cosa.Quello di rimodellare l’appartamento è tempo perso se fuori non piove.Ciao Signora di Casa. ….. ops dei Sogni.Fabrizio

  8. ..Virgin.. Ross in versione casalinga disperata?! Fiiiiiiiiii!!!!!! :DDDRoss.. vedrai me da ottobre, pure il fularino in testa e la vestaglietta (me la dovrò comprare😉 ) mentre in ginocchiosfregherò la spazzola sui pavimenti, sai ho la casa piiiiiiiccola.. dovrei impiegarci un bel po’ a strofinarla tutta.. ;))))Ciao Genovese, spero che il fuoco non ti abbia raggiunta.. e questo pensiero vola serio.. :)

  9. UIDBA @Fabrizio fare SEMPRE quello che si ha voglia di fare..;)Lu

  10. @Virginia: vero… non sono una ‘malata grave’ ma ho visto persone che con molto meno, ti fanno cader dall’alto anche solo che spazzare per terra!@Lù: casalinga disperata? giammai!!! anche perchè alterno giornate casalinghe terrificanti a periodi altrettanto casalinghi impiegati ad oziare in poltrona a leggere o a vedermi un bel film! E, last but not least, faccio SEMPRE quello che ho voglia di fare :-))@Fabrizio: è inutile che tu cerchi di convincermi, la montagna non mi piaceeeeee!!! uff… testone… semmai me ne andavo al mare, ma dato che ci sono stati due giorni di libecciata con mare mosso che mi avrebbero impedito di farmi una bella nuotata, ho optato per arieggiare la casa e darle nuova forza con una semplice trasformazione, molto più vivibile. E oggi… passeggiata in centro e aperitivo con le amiche all’aria aperta (anche sei il bucato da stirare è lì che mi aspetta…)!

  11. fabrizio, da ‘ste parti le rotelle girano tutte a tutte!:-)))

  12. non sia mai detto, lu’, una ross in versione casalinga non potrei immaginarla mai, neppure con la fantasia più sfrenata!:-))

  13. Quando ci vediamo ti porto il mio libro sulla organizzazione Feng Shui della casa…. così ti prepari per il prossimo giro di salotto!!

  14. Propongo una petizione per l’abolizione della fatidica frase.Abolirei anche quelle espressioni tipo: "Ti trovo benissimo!" che portana una sfiga…e ti fanno scattare subito la necessità di fare gli scongiuri.Parliamo d’altro no? Appunto…un bel trasloco, attività fisica per scaricare le energie negative (io non posso girare niente: soggiorno piccolo già provate tutte le combinazioni! SOB!)…però RIGUARDATI, NON TI TRASCURARE E PRENDITI CURA DI TE!…che qui ci si preoccupa sa’!Abbracci.Kali

  15. Significherà che a settebre anche tu dovrai dare gli esami.Immaginiamo un’ipotetica prova: "Prenda tutti i suoi flaconi; ora prenda le pillole per la tosse… Non, quelle… Neanche… No… Sì, quelle… Le prenda con dell’acqua, cara… Indecisa, più di 22 non le posso dare"

  16. da qualche anno sono diventata una casalinga, eccezion fatta per i periodi in cui sono fortunata ed ho avuto incarichi lavorativi a scuola.Sarò senza dubbio una voce fuori dal coro, ma a me non pesa stare a casa. Quello che mi manca è lo stipendio. per il resto a casa, mi sento davvero libera di fare ciò che voglio. Esco quando ho voglia, leggo tutto quello che voglio quando voglio e non nei ritagli in cui andavo in bagno…curo le cose che amo . Non mi sento più in colpa sgridando mio figlio, prima avevo contratto la sindrome della madre lavoratrice, che usciva al mattino e rientrava la sera…Sono riuscita a riprendere ritmi umani e a respirare …rilassati Ross..assapora.. non saremo mai pelandrone…ma…è bello anche star a guardare e inseguire pensieri lieti..

  17. ehi!!! vedo che l’uragano ‘ripulisci’ è arrivato fino a genova!!! eh eh eh … hai ragione, ‘dopo’ si resta un pò indolenziti ma ci si sente soddisfatti e mica è poco!!!! :)) hai trovato lo spirito giusto!! goditi questo periodo di ‘ferie forzate’ … ti assicuro, quando riprenderai a pieno ritmo, ne sentirai la mancanza!!! :)) baciiii!!PS: comunque, io sto bene grazie … certo, ho un fastidioso doloretto alla schiena ed uno alla cervicale … un senso di affaticamento alle gambe … la vista che è un pò calata e, come sai, la pressione bassa mi butta un pò giù … senza dimenticare quel crampo perenne al piede che mi impedisce di camminare bene … insomma: ‘si tira avanti’ (altra frase tipica!!) … ;P

  18. Ma non c’era la notte bianca a Genova questo weekend?

  19. Non parlo di traslochi perché per me è copme quando a te chiedono "come stai?"… :-p

  20. Hai perfettamente ragione! Io rimprovero spesso mia madre perchè purtroppo ha questo "viziaccio"!Mi piace lo spirito con cui affronti le difficoltà è un pò anche il mio…..quando non mi sento bene, sostengo sempre il contrario, come per dire al mio corpo:"non pensare che te la dia vinta"! E come te, invento qualcosa da fare! La domada "come stai?" è solo di pura cortesia e serve ad aprire la conversazione!Inoltre,penso che ognuno ha i suoi problemi (piccoli o grandi che siano) e se proprio non è necessario, sono certa che nessuno ha desiderio di 2accollarsi" quelli degli altri!Besitos

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...