Tristezza diffusa

La Tv accesa mi rimanda dei suoni indistinti. I soliti programmi, penso. Poi una musica, un notturno di Chopin per pianoforte, ed un’immagine prende corpo. E’ l’immagine della tristezza. Il cielo è grigio, ha appena smesso di piovere, ma ricomincerà a breve. Vedo i punti fermi che mi ero creata sfaldarsi pian piano e sparire all’orizzonte. Mi vedo camminare tra simulacri di ciò che era e che ora guardo con occhi diversi, chiedendomi il perchè questo mondo abbia sempre avuto così importanza per me. Non ha nulla di speciale. Solo un vuoto contenitore di altre illusioni.
E’ ora che io l’abbandoni…
 

 
Torno a tuffarmi nel mio lavoro di oggi: un testo di economia che non amo particolarmente… e la tristezza diffusa non se ne va…

10 risposte a “Tristezza diffusa

  1. e ci credo…posso darti della masochista? (se già se di umore nero…ti sciroppi un testo d’economia…non so che puoi aspettarti di più dalla vita…)

  2. All’inizio pensavo ti riferissi alle immagini che passano (non molto frequentemente a dir la verità) sull’alluvione in Sicilia e su ciò che questa ha comportato,ma poi mi son ricordata che sei di Genova e che sicuramente ti riferivi ad altro!La conferma l’ho avuta quando ho continuato a leggere e mi sono accorta che la tristezza di cui parli si riferisce a qualcosa di molto vicino:quasi sotto casa!Ho pochi elementi per capire e tirare ad indovinare non mi va……tra l’altro sminuirebbe questo tuo sentimento e non mi voglio assolutamente permettere di farlo! Però,da come parli, sembrerebbe qualcosa di irrisolvibile e questo non mi piace affatto!Spero di sbagliarmi e come te,mi rituffo nel libro di legislazione bancaria e poi di finanza,che al contrario tuo,amo particolarmente!;D Besitos

  3. Ehi…. Un colpo di filo alla tua amica/psicologa torinese?:-)

  4. ok, vediamo … proviamo con le solite frasi fatte: ‘tirati su, non ci pensare, guarda avanti, domani è un altro giorno, sopra alle nuvole brilla sempre il sole, etc, etc,’ … uhmmmm … non funzionano eh??? lo immaginavo (anche con me, non funzionano mai!!!) … allora … che dirti??? niente, ti dico solo che ‘oggi ti gira così …’ … prima o poi, e di questo ne sono certa, ti girerà meglio … :) nel frattempo, se puoi, per favore … CAMBIA CANALE ALLA TV!!!!!PS: anche l’idea di fab, di abbandonare la ‘lettura’ del testo di economia … io, la prenderei in considerazione!!! ;)baciiiiiiiiiiiiiii!!!!

  5. Ecco, concordo con Lilla.spegni la TV,telefona a Silykot,cambia letture,e piantala con i pensieri di "abbandono", anzi, puoi abbandonare ‘sta tristezza appiccicosa, magari con una bella gita!Scegli la meta!(micidiale l’autunno…)

  6. Caspita! Nei giorni/periodi grigi amo immergermi nelle mie zone grige (tipo la politica storica italiana)… ad esempio leggo Pansa… poi arriva il "bel tempo" e riprendo ad occuparmi di arte.

  7. è una tendenza generale questa, forse aiutata dalla stagione autunnale che induce a scurire i pensieri oltre che l’amosfera. il mio consiglio? cambia questo sfondo nero!

  8. nel disincanto generale e nello sca***o ancora più grande non so che cosa posso aggiungere al tuo che non sia già mio. come mauro, magari cambiando sfondo, alle volte…

  9. …andiamo a vedere i momix a gennaio…a genovaaa???:-)))intanto smettila di lavorare che andiamo al mareeee!!!!

  10. uff…..è un po’ che ci giro in torno a sto’ post…ci sarò entrata almeno sei volte…ma ti dico solo… uff…. c’è una specie di contagio…

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...