Vita a… tre

Più vado avanti con gli anni e più mi convinco che, al di là del suo contesto politico, il buon G.B. Vico aveva ragione! C’è una ciclicità negli eventi di ognuno di noi che ti fa camminare come un gambero: un passo avanti e tre indietro.
 
Riflettevo stamattina su come i ricordi della mia vita da figlia unica non esistano o quasi, a parte quelli fissati nelle fotografie in bianco e nero, ormai ingiallite dal tempo, che ho conservato. Logico direi, non si ha memoria di avvenimenti accaduti all’età di 3-4 anni. Poi c’è un lungo periodo in cui da ‘figlia unica’ sono diventata la ‘primogenita’. Dovrebbe essere il più bello, almeno temporalmente parlando, quello che abbraccia l’infanzia e l’adolescenza, ma io non lo ricordo proprio in questi termini. E’ come se la mia infanzia non sia esistita perchè l’evento clou era seguire l’infanzia degli altri e ‘dare il buon esempio’.
Non parliamo poi dell’adolescenza, passata a cercare di diventare grande per spiccare il volo, inseguendo il proprio sogno, forse anche per ricevere un applauso quando ci fossi riuscita. E intanto il tempo passava ed io scalavo posizioni: ora ero diventata ‘la più grande’.
 
Via, via,… l’unica soluzione era fuggire lontano per poter avere una vita indipendente dagli altri. Così non è stato, ma vabbè, almeno ci ho provato…
 
E ora? Ora mi ritrovo a convivere con la persona che mi ha ‘derubato’ del mio essere bambina, di quei piccoli protagonismi che mi sarebbero serviti per non crescere ‘arrabbiata’ contro il mondo intero… [e la cosa buffa è che lei afferma di avermi sempre invidiato…].
Siamo tornate all’inizio, come nel gioco dell’oca. Siamo in tre però questa volta. Io, lei ed il passato…
 
Ah, dimenticavo, e un gatto rosso. Sorriso
 
 
 

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

13 risposte a “Vita a… tre

  1. E come si chiama questa meraviglia?

  2. e meno male che non sei allergicaa!!!al gatto ovviamente…:-DD

  3. mi sa che con lui istaurerai una profonda amicizia è bellissimo

  4. dai ammettilo … sono convinta che hai sempre desiderato avere un gatto!!!😉

  5. sembra il gemello del mio micio….Ross, ho perso qualche puntata? non aveva traslocato qualche mese fa?

  6. Il gioco ricomincia, ma se hai scelto di giocare ancora, un motivo ci sarà.Le "colpe" del passato vanno archiviate, come i rancori mai sopiti. Quello che è stato ti ha resa quello che sei, forse, doveva andare così.Un gatto rosso è il futuro da guardare,le sue vibrisse ti indicheranno la strada e veglieranno sui tuoi passi.Kali

  7. mi accodo, nella domanda, a fab. non aveva preso altre strade??ma che bellezza micio!:-))come si chiama?

  8. In gioventù ho pagato 5 anni di psicoanalisi per poter dire a qualcuno (pagato) quanto ero arrabbiato con mio padre, con il suo egoismo e con la sua conseguente assenza relazionale e presenza solo per rotture di scatole.Il mio analista ha speso 5 anni della sua vita professionale a cercare di convincermi che non era il caso che io perdessi ulteriore tempo della mia vita.C’è voluto tanto ma ha funzionato. Ora vado a trovare mio padre che ha 93 anni e vive su una sedia a rotelle, non vede e non sente quasi più e capisce poco. Lo abbraccio, lo bacio e lo accarezzo tantissimo. Gli parlo, per quel poco che comprende.I genitori sono come sono, non li abbiamo scelti noi e possono avere difetti anche terribili. Se si riesce ad andare oltre questi difetti e ad amare lo stesso (pur preservando ovviamente la propria libertà) secondo me si diventa liberi dal male subito e si riesce ad evitare che la condanna si perpetui.Io cerco di essere un padre diverso ma penso che anch’io verrò tacciato di difetti. Spero di essere assolto dai figli in appello per la mia buona volontà riscontrabile, spero, nella disponibilità quotidiana alle loro richieste.

  9. a volte i parenti tornano…(la voce e’quella dei visitors….:-DDD

  10. eh… i casi della vita… ma quella che arriva non è la stessa che è partita :-)Bello il gatto eh? ed è di un furbetto… e si chiama Pillo… Kali, lo so, ho ‘scelto’ di giocare di nuovo, o meglio, sono stata scelta e non ho saputo (potuto) dire di no :-S

  11. beh la vita va e muta e noi con lei. Una nuova avventura ti si apre davantiAuguro a tutti e tre una serena convivenza :-)Un consiglio : quando, sei un pò nervosa accarezza il bellissimo gatto, dicono che è rilassante :-)))e quando ti sei sistemata e tutto è più tranquillo vi aspetto a Pavia. baci e un abbracciobuona serata

  12. E poi dicono che i figli unici sono infelici… MAQUANDOMAI !!!!!

  13. Grat grat per Pillo…

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...